OK

A Casa - Eatery

#
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI STEFANO CAFFARRI
VOTO
7.2
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
INFORMAZIONI
NOMI A CASA - EATERY
Chef LUIGI MAZZARIELLO
Indirizzo Via Conca del Naviglio, 37 - Milano
Telefono 02.36743350
Orari di apertura Pranzo e cena
Giorno di chiusura Mai
Periodo di chiusura Variabile
Sito http://acasaeatery.it/
Piatto forte

Gnocchi di castagne, spaghetti colatura e bottarga

Prezzo tre piatti 35-50
Visitato in data 03.11.2015
Accetta carta di credito SI
SCOPRI DOV'É

Un ampio spazio "vestito" con gusto, tra modernariato e scelte vintage. Una accoglienza "di casa" per una cucina sudista, robusta e gustosa a prezzi educati.

 

Il locale

Al primo piano di un condominio cementizio, ti fa dimenticare dopo un istante l'esterno con uno spazio grande come una piazza d'armi in cui sono disposti a mille metri di distanza l'un dall'altro una congerie di tavolini e tavoloni delle più disparate provenienze: marmi e metalli, legni e materiali di riuso. Analoga sorte alle sedie, sapientemente casuali. Armadi della nonna, arredi bar anni sessanta, luci eterogenee, pavimenti in legno, prodotti agroalimentari in vista. Calore che fa bene.

La cucina

Menù che varia in stagione: 4/5 proposte per categoria che hanno saggezza e goliardia in egual misura. I piatti possono richiamare echi familiari o prendersi amabili licenze descrittive, la sensazione più immediata è... l'imbarazzo della scelta. Ma in sala sapranno consigliarti con simpatia e misurata presenza, il tutto ben colorato dalle tinte della migliore Italia meridionale.

I piatti

Il cannolo rotto è una quenelle di eccellente ricotta, pastosa e palpabile, accompagnata dagli ingredienti tipici: agrumi canditi e frutta secca. Una "sabbia" sostiene il progetto. Sono eccellenti gli gnocchi di castagne: lontani dalla temibile polposità, esprimono con chiarezza gli ingredienti. Chiara la castagna, ben accompagnati i porcini. Il sale è appaltato alla pancetta croccante, inserita in giusta misura. Un piatto opulento e spensierato pur nella sua profondità.

Tra le pietanze anche lo sgombro, cotto a vapore con il broccolo, maritato con una cipolla stufata e ad un salsa di patate viola che pecca, perdonabilmente, di collosità.

Impegnativo e non alieno da qualche ambizione estetica il dolce, ancora autunnale, in cui una piramide di "pietra di cioccolato" bianco racchiude una mousse di castagne, assai poco zuccherina ma piuttosto definita.

Nota di merito per il notevolissimo pane rustico prodotto in casa.

Il servizio

Giovane, informale ma puntuale, non privo di un tocco di attenta familiarità che non guasta affatto. Gran messe di informazioni sui piatti, e ritmo dei piatti svelto. La serata scorre piacevole e la sensazione finale è di buon ricordo.

La cantina

Contenuta nelle referenze, in genere rassicuranti, con piccoli excursus tra produttori meno conosciuti. Cartellini in linea con la piazza.

Il conto

I piatti spaziano dai 10 ai 18 euro, in genere garbati.



CONDIVIDI


COMMENTA


#