Barone Bianco, Resling di Calabria per Tenute Pacelli - Appunti di Gola

Barone Bianco, Resling di Calabria per Tenute Pacelli

Pubblicato il: 27 Luglio 2016

Argomenti: Vino

Tags: , ,

È ammesso lo sbarrar d’occhi quando si nomina il Riesling dalle parti di Malvito, Cosenza provincia. È ammesso soprappiù in tempi di esaltazioni autoctone, di eroismi ritrovati, di romanticismo dei bei tempi andati. Eppure anche sulla sponda dei naturisti c’è chi dice che se un vitigno scompare, una ragione c’è. E c’è una ragione per piantare Reisling in Calabria, trattarlo solo con acciaio, e berlo dopo sei anni: che per un bianco è vecchiezza, ma per un Riesling è – diciamo – adolescenza.

La ragione è quel colore così densamente popolato di barbagli dorati, che cadi ai suoi piedi ancora prima di connetterti al cavo del bicchiere. La ragione è quel totale leggermente aromatico, finissimo eppure spesso che non tracima dal cristallo, ma resta lì composto ad attendere: con la pesca gialla, la pietra lavica, la composta fittezza dello zucchero di canna, il finalino appena ossidato sul bordo, così elegantemente brizzolato, ne diresti se fosse un affermato professionista, o un fotografo di chiara fama, o un agente di cambio in derrate.

Poi lo bevi, ed è lì che si fa bello: alcool e succo in contrasto armonico, un brivido asprigno, un andare levigato, un termine che non termina, lasciando le labbra impresse di paglia e di mare.

Tonni scottati, tonni con salse, spada poco cotti, con erbe; agnelli allo spiede, maialini allo spiede, con carbone ed erbe, fors’anche qualche pasta ripiena con sughi di un certo livello: il Barone accompagna.

[Immagine: tenute Pacelli]

Un commento a Barone Bianco, Resling di Calabria per Tenute Pacelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *