OK
...

Casoeula


preparazione  45 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 45 MIN
COTTURA 3H
CALORIE 870 CALORIE
PORZIONI 6 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 1 kg di costine di maiale
  • qualche cotenna
  • 1 piedino di maiale
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1 grosso cavolo
  • 6 salamini da verzata o 300 g di salsiccia
  • olio
  • sale
  • pepe
PROCEDIMENTO
Tritate la cipolla, la carota e il sedano, mettete il battuto in una casseruola con pochissimo olio e fate sfinire le verdure. Unite la cotenna e il piedino tagliati a pezzi, salate, pepate, coprite con acqua e cuocete fino a quando l’acqua è consumata. Aggiungete le costine, mescolate, lasciatele insaporire, cuocete per circa un’ora. Nel frattempo scottate le foglie del cavolo in acqua a bollore e mettetele nella casseruola. Unite i salamini

o la salsiccia punzecchiati e cuocete ancora per circa un’ora. La casoeula deve riuscire con un sugo leggermente colloso. Si serve con la polenta.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "CASOEULA"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Anche cazzoeula, cazoela, casoela, cazzuola e, in italiano, bottaggio. Secondo alcuni il nome deriverebbe dal latino “cattia”, che viene dal greco “kiàthion”, tazza, o da “akàtion”, coppa, e da questo casseruola. Lo storico milanese Pietro Verri ricorda che nell’XI secolo: “Quando le campagne
avevano bisogno di pioggia si poneva una grande caldaia sul fuoco in sito aperto e vi si facevano bollire legumi e carni, poi si mangiava e spruzzavansi d’acqua i circostanti”. Più che una ricetta è la storia della gente lombarda, delle sue tradizioni, dei suoi prodotti, delle influenze esterne subite.
Anche se è un piatto sostanzioso e complesso, si può definire sobrio, come
i lombardi, e riflette la loro estraneità agli eccessi. Richiede una cottura lenta e prolungata: la salsa deve risultare densa perché la casoeula “l’ha da vess
ben ben tacchenta e minga sbrodolada e sbrodolenta”. È un piatto invernale, legato alle prime gelate, che assicurano una verza più croccante.

CONDIVIDI
COMMENTA
#