OK

Crostini alla spoletina
#


preparazione  30 min
ricetta  facile
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI IL CUCCHIAIO D'ARGENTO
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA FACILE
TEMPO PREPARAZIONE 30 MIN
TEMPO COTTURA 15 MIN
CALORIE 303 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
Crostini alla spoletina
ESECUZIONE RICETTA FACILE
TEMPO PREPARAZIONE 30 MIN
TEMPO COTTURA 15 MIN
CALORIE 303 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  • 100 g di tartufo nero
  • 2 filetti d’acciuga o pasta d’acciuga
  • 1 spicchio d’aglio
  • 20 g di burro
  • 1/2 limone
  • olio
  • pane casereccio
INGREDIENTI
  • 100 g di tartufo nero
  • 2 filetti d’acciuga o pasta d’acciuga
  • 1 spicchio d’aglio
  • 20 g di burro
  • 1/2 limone
  • olio
  • pane casereccio
PROCEDIMENTO
Spazzolate bene i tartufi per eliminare ogni residuo di terra, passate sulla superficie un panno umido, grattugiateli e pestateli nel mortaio con lo spicchio d’aglio tritato. Trasferite il composto in una ciotola e amalgamatelo con i filetti d’acciuga spezzettati o con alcuni centimetri di pasta d’acciuga, il burro, succo di limone e due giri d’olio versato a filo, mescolate fino a ottenere una specie di crema e mantenetela tiepida appoggiando la ciotola su un pentolino colmo d’acqua calda. Distribuite il composto sulle fettine di pane abbrustolito. Servite subito.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "CROSTINI ALLA SPOLETINA"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'

I tartufi maturano da ottobre ad aprile, ma i migliori e più profumati si raccolgono in autunno-inverno. Sia i tartufi bianchi sia i neri si conservano avvolti prima in due strati di carta inumidita e poi in altri due-tre fogli asciutti, nel ripiano meno freddo del frigorifero.

This is the info These are the ingredients
CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Fiamme Antiche
Fiamme Antiche
Colore rosso rubino intenso, per un vino dal profumo intenso, frutta matura, pepe nero, cannella. Al palato risulta un vino dal carattere giovane, molto fruttato e armonico. Il segreto di questo vino prestigioso risiede nella perfetta maturazione delle uve, frutto della particolare esposizione al sole dei vigneti e delle alte temperature di cui beneficiano.
Rosso di Spicca
Rosso di Spicca
La più antica menzione risale al 1884, ottenuta a una manifestazione di Roma nella quale veniva premiato come vino rosso "fine". Ancora oggi la tradizione continua con questo vino dal colore rosso rubino intenso con riflessi porpora, aromi fruttati di ciliegia matura uniti a una leggera nota vanigliata che si apre nel bicchiere a note mentolate. In bocca è sapido, con buona tannicità e freschezza...
COMMENTA
#