OK
...

Taglierini al tartufo


preparazione  30 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 30 MIN
COTTURA 20 MIN
CALORIE 628 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 400 g di farina bianca
  • 2 uova
  • 90 g circa d’acqua
  • 10/20 g di Grana Padano grattugiato per la pasta
  • 80 g di burro
  • 1 tartufo bianco d’Alba
  • 70-80 g di Grana Padano grattugiato per il condimento
  • noce moscata
  • poco brodo
  • sale
  • pepe
PROCEDIMENTO
Fate i taglierini: disponete la farina a fontana, al centro sgusciate le uova, cospargete il Grana Padano grattugiato e versate l’acqua necessaria per ottenere un impasto abbastanza solido. Lavoratelo molto bene, poi stendetelo a sfoglia, arrotolatela e con un coltello dalla lama ben affilata ricavate tagliolini larghi circa tre millimetri. Preparate il condimento: in un tegamino lasciate fondere il burro, insaporitelo con un pizzico di noce moscata e con il Grana Padano grattugiato, diluite il composto con un mestolo di brodo e cuocete a fuoco basso per alcuni minuti o fino a ottenere una salsa di giusta densità, regolate sale e pepe, ritirate. Lessate per pochi minuti i tagliolini in abbondante acqua salata a bollore, sgocciolateli, conditeli con il burro preparato, mescolateli, sopra cospargete il tartufo tagliato a lamelle sottili e servite.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "TAGLIERINI AL TARTUFO"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Naturalmente parliamo del tartufo bianco delle Langhe, la cui “capitale” è Alba, distesa sulle sponde del Tanaro e al centro di una regione che è ricchissima inoltre di funghi, selvaggina, frutta e verdura. Altre zone piemontesi di produzione: il Monferrato, l’Alessandrino e le colline del Po.


CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Barbaresco Asili
Colore rosso granato con lievi riflessi aranciati. Profumo fine e complesso con note di viola e fragolina selvatica in evidenza. Il sapore è pieno, vellutato e armonico. Vino di grande eleganza, nelle migliori annate può portare in etichetta la menzione “Riserva”.
Chianti Rufina
Sangiovese in maggioranza e Merlot in parte minore si inseguono nella costruzione di un vino deciso e morbido, dal tannino vellutato e dai profumi di frutta rossa e spezie.
COMMENTA
#