OK
...

Risotto con le rane


preparazione  25 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 25 MIN
COTTURA 40 MIN
CALORIE 590 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 300 g di riso
  • 24 rane
  • 1 manciata grande di prezzemolo e foglie di biete
  • 2 carote
  • 2 cipolle piccole
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 costa di sedano
  • vino bianco secco
  • formaggio grattugiato
  • brodo
  • 40 g di burro
  • 4 cucchiai di olio
  • sale
  • pepe
PROCEDIMENTO
Pulite e spellate le rane, lavatele accuratamente. Per questa preparazione usate solo le cosce eliminando l’ossicino. Tritate le biete con il prezzemolo e lo spicchio d’aglio. Mettete metà trito in una casseruola con tre cucchiai d’olio, una cipolla, le carote e il sedano a pezzetti, sale e pepe. Dopo due minuti unite le cosce delle rane, coprite e cuocete a calore moderato mescolando di tanto in tanto. In una casseruola mettete l’altra cipolla tagliata a fettine, un cucchiaio d’olio e fatela diventare trasparente. Quindi unite il riso, lasciatelo colorire, bagnatelo con mezzo bicchiere di vino, fate evaporate. Portate a cottura, aggiungendo un mestolo alla volta di acqua o di brodo caldi. Quando il risotto è quasi pronto regolate sale e pepe. Unite il restante trito di prezzemolo, biete e aglio. Mantecate, aggiungete le rane con il loro sugo e il burro fuso. Mescolate con cura, versate il risotto sul piatto da portata e servitelo con formaggio grattugiato a parte.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "RISOTTO CON LE RANE"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Primi Piatti"
 
PER SAPERNE DI PIU'
La carota oltre a essere ritenuta antitumorale previene la cataratta, aumenta la visione notturna, cicatrizza ulcere e lesioni della pelle; alla base dei meccanismi riparatori c’è il contenuto di betacarotene, che l’organismo trasforma in vitamina A, chiamata “miracolosa” per la sua influenza sul sistema immunitario.

CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Kaiton
Il Riesling è gialloverde, spesso, ceroso. Cristallino e brillante, è solare e splendente. Il profumo è travolgente: note minerali come lo zolfo, giallo e deciso, o idrocarburi, nitidi e pungenti. Sotto, una bordura vegetale, raspo e foglia di vite. Solo in fondo un fruttismo elegante e misurato, con mela verde e pesca a pasta bianca. Al palato è salato, ispido e profondo.
San Giorgio
Giallo paglierino scarico con netti riflessi verdognoli è dotato di un perlage fine e persistente, con spuma eterea bianchissima. Al naso è fruttato, con sentori di crosta di pane, ricco di sensazioni floreali. Sapore pieno, armonico, ricco di sensazioni acide, di gran nervatura, ma non spigoloso, ottimo retrogusto, leggermente aromatico, con giusta persistenza.
COMMENTA
#