OK
...

Pan brioché allo zafferano


preparazione  20 min
ricetta  facile
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA FACILE
PREPARAZIONE 20 MIN
COTTURA 30 MIN
CALORIE 438 CALORIE
PORZIONI 8 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 500 g di farina
  • 200 g di burro
  • 3 uova
  • 35 g di lievito di birra
  • 4 bustine di zafferano
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • latte
  • sale
PROCEDIMENTO
Sciogliete il lievito con poco latte tiepido, mescolatevi lo zucchero e fate fermentare per quindici minuti. Lavorate con l’impastatrice la farina, il sale, le uova e aggiungete lo zafferano diluito in un mestolino di latte tiepido. Unite il lievito e altro latte, se l’impasto è troppo asciutto e stenta a diventare omogeneo. Quando il tutto sarà ben amalgamato incorporate il burro ammorbidito e lavorate ancora l’impasto. Tiratelo fuori dal robot e finite di lavorarlo a mano. Trasferite l’impasto in una terrina imburrata, coprite con un foglio di pellicola e lasciatelo lievitare lontano dalle correnti d’aria, fino a quando avrà raddoppiato il volume. Trasferitelo in uno stampo a cassetta (lunghezza 22-24 cm) foderato con l’apposita carta e fate lievitare ancora per almeno un’ora. Cuocete in forno caldo a 210° per circa trenta minuti. Ritirate, lasciate riposare e sformate il pan brioché solo quando sarà freddo.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "PAN BRIOCHÉ ALLO ZAFFERANO"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Antipasti & Contorni"
 
PER SAPERNE DI PIU'

È bene preparare il pan brioché due giorni prima dell’uso e conservarlo in frigorifero avvolto nella pellicola. Poi potete usarlo per sandwich imbottiti a piacere. Il buon risultato del pane dipende molto sia dalla lunga lievitazione effettuata in ambiente ideale e sia dal forno, perché deve cuocere in modo uniforme, inoltre è meglio che non sia del tipo ventilato.

CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Frizzante Naturalmente
Un Prosecco dalla spuma generosa, vellutata, dal calibro fine. Il colore è scarico, giallo tenero con evidenti sfumature verdoline. All'olfatto un mazzo di piccoli fiori gialli di campo: il tarassaco, con le foglie e tutto; il dente di leone, un’anticchia di camomilla. In fondo la fresca fetta di susina gialla, non del tutto matura. L’assaggio poi risulta brillante e fresco, ma assai meno...
COMMENTA
#