OK

Crostini caciocavallo e acciughe
#


preparazione  10 min
ricetta  facile
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI IL CUCCHIAIO D'ARGENTO
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA FACILE
TEMPO PREPARAZIONE 10 MIN
TEMPO COTTURA 15 MIN
CALORIE 516 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
Crostini caciocavallo e acciughe
ESECUZIONE RICETTA FACILE
TEMPO PREPARAZIONE 10 MIN
TEMPO COTTURA 15 MIN
CALORIE 516 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  • 4 fette di pane casereccio spesse 1 cm circa
  • 200 g di caciocavallo (non troppo stagionato) tagliato a fettine
  • 8 filetti di alici sott’olio
INGREDIENTI
  • 4 fette di pane casereccio spesse 1 cm circa
  • 200 g di caciocavallo (non troppo stagionato) tagliato a fettine
  • 8 filetti di alici sott’olio
PROCEDIMENTO
Disponete le fette di pane su una teglia, mettetela in forno caldo a 200° e ritiratela quando le fette sono diventate dorate. Adagiate sulla superficie di ognuna una fettina di caciocavallo, ponete di nuovo in forno e ritirate il recipiente quando il formaggio è diventato filante. Disponete le fette di pane sul piatto da portata, su ognuna disponete a disegno due filetti di acciuga e servite subito.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "CROSTINI CACIOCAVALLO E ACCIUGHE"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Quaesta ricetta è un classico “sdejune”, rompidigiuno, della cucina abruzzese, che oggi può diventare una merenda o anche una cena veloce. Gli “sdejune” erano gli spuntini che, un tempo, si consumavano nelle giornate della mietitura o della vendemmia oppure della raccolta delle olive. Il forno veniva acceso al mattino presto per consentire la cottura del pane, dei biscotti, degli arrosti, ma anche per scaldare le fette di pane come in questo caso.


This is the info These are the ingredients
CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Castello di Semivicoli
Castello di Semivicoli
Limpidezza cristallina per un vino giallo paglierino, caratterizzato da un bouquet intenso ed elegante. Il sapore è fruttato, floreale, con sentori di frutta gialla e gelsomino.
Fontanasanta
Antico vitigno trentino, la Nosiola è una varietà che si esprime con forza solo nell’equilibrio della vigna che cresce su terreni poveri, dando vita a dei vini di grande delicatezza e longevità. La Nosiola è stata sempre vinificata sulle bucce in passato. La possibilità di avere delle uve “vive”, ricche di energia, derivata dalla pratica della biodinamica in vigna, e la straordinaria forza...
COMMENTA
#