OK
...

Vellutata di patate con ostriche


preparazione  20 min
ricetta  facile
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA FACILE
PREPARAZIONE 20 MIN
COTTURA 60 MIN
CALORIE 185 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 8 ostriche
  • 400 g di patate a pasta bianca
  • 6 porri
  • 1/2 litro di latte
  • 40 g di burro
  • sale
  • pepe
PROCEDIMENTO
Aprite le ostriche, togliete il mollusco, conservate la loro acqua di vegetazione, mettete in frigo. Sbucciate le patate e tagliatele a dadini, recuperate la parte bianca dei porri e tagliatela a rondelle. In una casseruola versate un litro abbondante di acqua, salatela leggermente, tuffatevi patate e porri, cuocete per 40 minuti circa. Ritirate, sgocciolate le verdure con la paletta bucata (conservate l’acqua di cottura) e frullatele. Versate il frullato in una casseruola, aggiungete il latte caldo, il burro, un pizzico di pepe, ponete sul fuoco e, mescolando ogni tanto, lasciate addensare. Alla fine aggiungete l’acqua tenuta da parte delle ostriche, mescolate con cura, regolate il sale se occorre. Versate la crema calda nelle singole ciotole e sopra adagiate il mollusco freddo delle ostriche.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "VELLUTATA DI PATATE CON OSTRICHE"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Feste di Natale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Le ostriche migliori, e anche più costose, hanno la conchiglia piatta e tondeggiante. Che siano
afrodisiache è una leggenda!

CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Curtefranca Bianco
Curtefranca Bianco
Un vino di grande finezza e struttura. Il colore è giallo lucente con tenui riflessi dorati. Nel bicchiere la ricchezza del grappolo è integra, il naso ricco con note evidenti di frutta esotica e fiori bianchi, che conferiscono al vino una gradevole sensazione di freschezza. Al palato è sapido, minerale e il gusto evidenzia una vivace fragranza e una piacevole venatura acidula che prolunga la...
Alture
Alture
Grande freschezza all'olfatto, con note esotiche, agrumate, dove prevale il pompelmo rosa. Al palato conferma la freschezza, ma si fa anche pieno e cremoso, tornando all’agrume nel finale lungo e pulito. Un vino non banale, dall’acidità importante, derivante dal suolo tufaceo e dall’altitudine.
COMMENTA
#