OK
...

Timballo di tagliatelle al sugo d'anatra e funghi


preparazione  25 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 25 MIN
COTTURA 45 MIN
CALORIE 824 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 200 g di pasta sfoglia
  • 150 g di tagliatelle all’uovo
  • 200 g di petto d’anatra
  • 50 g di funghi finferli o porcini
  • 200 g di mascarpone
  • 50 g di formaggio grattugiato
  • 1 bicchierino di brandy
  • 1 rametto di maggiorana
  • 1 carota
  • 1 scalogno
  • olio
  • sale
  • pepe
PROCEDIMENTO
Lessate le tagliatelle in acqua bollente salata, sgocciolatele al dente e raffreddatele sotto il getto d’acqua fredda.

In una padella scaldate due cucchiai d’olio, insaporitevi la carota, i funghi e lo scalogno tritati, mescolate e dopo cinque minuti aggiungete il petto d’anatra spellato e tagliato a cubettini. Mescolate ancora e dopo due minuti spruzzate la carne con il brandy, lasciate evaporare e aggiungete il mascarpone, amalgamate bene il tutto e cuocete per quindici minuti.

Ritirate dal fuoco e trasferite il composto in una larga terrina. Unitevi le tagliatelle, il formaggio, la maggiorana, un pizzico di pepe e mescolate bene.

Con la pasta sfoglia foderate quattro stampini antiaderenti, riempiteli con il composto di tagliatelle e richiudete sovrapponendo i lembi di pasta in eccesso dopo averli inumiditi. Ponete in forno caldo a 200° e cuocete per venti minuti circa. Ritirate, sformate su piatti individuali e servite.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "TIMBALLO DI TAGLIATELLE AL SUGO D'ANATRA E FUNGHI"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Secondi Piatti"
 
CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Schioppettino
Schioppettino
Colore rosso rubino con riflessi violacei. Le note olfattive di questo Schioppettino sono inconfondibili: una sensazione di frutta rossa avvolta nel pepe nero, chiodi di garofano e cannella in abbinamento alle note di incenso, cuoio e caffè. Al palato è armonico, complesso, di buona struttura e consente di assaporare tutte le sensazioni olfattive. È un vino che si adatta al medio/lungo...
Vallée d'Aoste Enfer d'Arvier Classico
Rosso granata piuttosto intenso e un profumo delicato, con bouquet caratteristico. Il sapore è secco, vellutato, di giusto corpo, gradevolmente amarognolo.
L'Albone
Colore che rincuora e rinfresca già dal primo sguardo. Al naso è squillante di lamponi e more, appena velato di una dolcezza floreale e scurito da note di miele di castagno e rabarbaro. In bocca scalpita e si fa sentire, scivola giù benissimo ma lascia una traccia inedita per molti lambruschi, con una nota secca molto pronunciata e soprattutto una mineralità che sfocia nel salino. Bello il...
COMMENTA
#