OK
...

Stringozzi ai funghi e tartufi


preparazione  45 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 45 MIN
COTTURA 20 MIN
CALORIE 631 CALORIE
PORZIONI 6 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 600 g di farina
  • acqua tiepida
  • 100 g di guanciale
  • 100 g di tartufi neri grattugiati
  • 200 g di funghi freschi
  • 2-3 pomodori
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1/2 dl di olio
  • peperoncino
  • pecorino grattugiato
  • sale
  • pepe
PROCEDIMENTO
In una padella scaldate l’olio con gli spicchi d’aglio ed eliminateli quando sono color oro, aggiungete il guanciale tagliato a striscioline e dopo un minuto unite i funghi tagliati a fettine e un pizzico di peperoncino sbriciolato, mescolate, aggiungete il tartufo a fettine, i pomodori sbucciati e tagliati a pezzetti, proseguite la cottura per circa 10 minuti.

Regolate sale e pepe, ritirate dal fuoco e lasciate riposare. Preparate gli stringozzi: disponete la farina a fontana e impastate con acqua tiepida aggiunta poca alla volta.

Lavorate il composto fino ad avere una massa soda e liscia. Stendetela a disco non troppo sottile, arrotolatelo, ritagliatevi delle tagliatelle non troppo strette e poi tagliatele corte come richiedono gli stringozzi. Lessateli in abbondante acqua salata a bollore, sgocciolateli velocemente, trasferiteli nella padella della salsa e fateli saltare per due minuti. Serviteli con a parte il pecorino grattugiato.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "STRINGOZZI AI FUNGHI E TARTUFI"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Gli stringozzi e le ciriole sono lo stesso tipo di tagliatelle casalinghe umbre fatte con solo acqua e farina (o anche semola), piuttosto
spesse, tagliate corte e non troppo strette. Pasta tipica di Terni e Spoleto, si trova in vendita anche nella versione industriale.

CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Brunello di Montalcino
Brunello di Montalcino
Il colore è rubino intenso, il profumo complesso, con sentori di rosa appassita. Al palato è armonico, ben strutturato, caldo, con tannini e acidità in perfetto equilibrio, persistente e sapido.
Pagliaro
Asciutto, ampio, corposo, svela profumi di vaniglia, more di rovo, fichi e prugne secche. Un vino che si rivela azzeccato anche fuori dai pasti: è ottimo con crostate di pasta frolla e marmellata di prugne o mele cotogne.
COMMENTA
#