OK
...

Rigatoni al sugo di coda


preparazione  360 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 6H
COTTURA 5H
PORZIONI 8 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 2 kg coda di bue
  • 100 gr lardo
  • 30 gr prezzemolo
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 sedano bianco e tenero
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • salsa di pomodoro
  • sale
  • pepe
  • pecorino
  • rigatoni
PROCEDIMENTO
NdR.: Durante un piccolo pranzo del mezzodì, lo chef mi manda a dire che mi fa assaggiare i rigatoni con il sugo di coda preparati per la truppa, perchè sono buonissimi. In verità non sono esattamente *buonissimi*: sono lussuriosi. Gli ho chiesto di scrivere come sono fatti, ecco qui.
Mondare, lavare e tritare finissimi prezzemolo, aglio, cipolla e carota. Tritare il lardo. Tagliare la coda a pezzi, con una importante avvertenza: se si chiede di farlo al macellaio raccomandarsi che non usi la sega, ma la tagli al nodo.  Lavare i pezzi così ottenuti e immergerli in acqua in ebollizione; quando l’acqua alzerà di nuovo il bollore togliere la carne.

Mettere in una casseruola il lardo con tutto quanto è stato tritato. Lasciare soffriggere per un istante poi unire i pezzi di coda, mescolare e rosolare sino a che la carne si sarà leggermente colorita; allora salare, pepare, continuare la rosolatura bagnando poco per volta con il vino bianco.

Quando questo sarà evaporato versare 250 gr di pomodori pelati e circa mezzo litro di acqua calda. Incoperchiare il recipiente e cuocere il tutto a fuoco moderatissimo per circa 4 ore. In alternativa si può fare nel forno a 130 gradi.

Pulire le coste del sedano, lavarle, tagliarle a pezzetti ed unirle alla carne dopo le 4 ore di cottura, lasciar cuocere ancora 1 ora.

Separare quindi la coda dalla sua salsa e una volta fredda spolparla. Passare la salsa al passa verdure.

In una padella mettere la salsa e la coda.

Cuocere i rigatoni (in questo caso Senatore Cappelli di Latini) molto al dente mantecare con una spolverata di pecorino e una grattuggiata di pepe nero. Impiattare e finire con un po' di pecorino grattuggiato.

Nicola Cavallaro è "il non più giovanissimo" cuoco del San Cristoforo di Milano. Questa definizione è presa di peso dalla nota Guida, ed è uno dei più divertenti tormentoni del venti-undici. Soprattutto perchè l'altro cuoco facebookiano Andrea Alfieri, che ha due anni di meno, viene chiamato allegramente "giovane". Padovano e quindi rugbista obbligatorio, prima del suo avvento nel ristorante che porta il suo nome ha girato il mondo in lungo e in largo, letteralmente: dall'Artico all'Equatore, sulle navi da crociera. Questo gli consente continue contaminazioni che - grazie al cielo - stanno lontane dalle parodie fusion e portano umori inconsueti nelle sue creazioni. A fianco, solide rimembranze della tradizione.

 




SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "RIGATONI AL SUGO DI CODA"

CONDIVIDI
COMMENTA
#