OK

Pinza bolognese
#


VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI SARA QUERZOLA
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA
FACILE
TEMPO PREPARAZIONE
15 MIN
TEMPO COTTURA
40 MIN

 
LUOGO RIPOSO
FRIGORIFERO
TEMPO RIPOSO
60 MIN
PORZIONI
6-8 PORZIONI

 
Pinza bolognese
ESECUZIONE RICETTA
FACILE
TEMPO PREPARAZIONE
15 MIN
TEMPO COTTURA
40 MIN

 
LUOGO RIPOSO
FRIGORIFERO
TEMPO RIPOSO
60 MIN
PORZIONI
6-8 PORZIONI

 
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  ALTRI INGREDIENTI
PER UNA PINZA GRANDE O DUE PICCOLE
• 450 g di farina
• 50 g di fecola
• 200 g di zucchero semolato
• 150 g di burro freddo
• 3 uova
• 8 g di lievito in polvere per dolci
• 1 stecca di vaniglia
• 1 pizzico di sale
• INOLTRE confettura di prugne (soda)
• 1 uovo
• zucchero semolato
INGREDIENTI
PER UNA PINZA GRANDE O DUE PICCOLE
• 450 g di farina
• 50 g di fecola
• 200 g di zucchero semolato
• 150 g di burro freddo
• 3 uova
• 8 g di lievito in polvere per dolci
• 1 stecca di vaniglia
• 1 pizzico di sale
• INOLTRE confettura di prugne (soda)
• 1 uovo
• zucchero semolato
INTRODUZIONE
La pinza è un dolce da forno dalle origini molto antiche, che affonda le prorie radici nella tradizione contadina bolognese e che viene descritto integralmente per la prima volta nel 1644 nel volume "L'economia del cittadino in Villa" di Vincenzo Tanara.
Si tratta di un rotolo di pasta dura, chiamata ciambella, che avvolge un ripieno che parte normalmente da una base di mostarda bolognese (una confettura nera a base di prugne e cotogne), per arrivare a versioni più sfarzose con uvetta, pinoli o altra frutta secca. 
Un impasto, quello della ciambella casereccia, che è quasi una frolla soffice - troviamo infatti tra gli ingredienti il lievito - e che viene utilizzato per confezionare biscotti, raviole, crostate e altri dolci da credenza, visto che ha il pregio di conservarsi a lungo, restando friabile per diverse settimane.
Di seguito la ricetta di famiglia, che prevede al posto della mostarda bolognese la confettura di prugne, da scegliere ben soda e possibilmente acidula.
PROCEDIMENTO
Nella ciotola della planetaria lavora con il gancio a foglia e alla velocità più bassa la farina, il lievito e la fecola setacciati, lo zucchero, il burro tagliato a cubetti, il contenuto della bacca di vaniglia fino a ottenere un composto bricioloso. Unisci le uova, uno alla volta, e da ultimo il sale. Impasta brevemente fino a ottenere un composto omogeneo che lavorerai velocemente a mano il tanto che basta a dargli la forma di una palla. Avvolgila nella pellicola per alimenti e poni in frigorifero per almeno 1 ora.
Trascorso questo tempo riporta l'impasto a temperatura ambiente e stendilo con il matterello sul silpat (in alternativa andrà bene un foglio di carta da forno ben infarinato) in un rettangolo dello spessore di circa 1 cm, avendo cura di controllare che la pasta non si attacchi. Aiutandoti con un cucchiaio stendi la confettura di prugne in uno strato abbondante, lasciando 1 cm dai bordi.
Arrotola il tutto in maniera abbastanza stretta, formando un cilindro che posizionerai su una leccarda rivestita di carta da forno, con la parte della falda verso il basso (in questo modo non si aprirà in cottura). Rincalza le due estremità posizionandole verso il basso e spennella il tutto con l'uovo sbattuto. Cospargi con lo zucchero semolato e cuoci nel forno già caldo a 180° per circa 40 minuti. Fai raffreddare completamente prima di servire.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "PINZA BOLOGNESE"

This is the info These are the ingredients
CONDIVIDI
COMMENTA
#