OK
...

Fonduta valdostana


preparazione  20 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 20 MIN
COTTURA 25 MIN
RIPOSO 60 MIN
CALORIE 657 CALORIE
PORZIONI 4 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 400 g di fontina
  • 40 g di burro
  • 4 tuorli
  • 2 dl di latte
  • tartufo bianco
  • sale
  • pepe bianco
  • fettine di pane nero
PROCEDIMENTO
Eliminate la crosta dalla fontina, tagliatela a fettine sottili, raccoglietele in una terrina,

versatevi il latte indicato (o anche di più perché il liquido deve ricoprire il formaggio) e fate riposare per un’ora. Senza sgocciolarla troppo ritirate la fontina dal latte e trasferitela in una casseruola a fondo spesso. Unite il burro

freddo a pezzetti. Ponete il recipiente a bagnomaria e, sempre mescolando, lasciate fondere il formaggio. Dapprima si forma una massa compatta che poi si scioglierà lentamente. Quando il composto ha raggiunto una consistenza cremosa incorporatevi un tuorlo alla volta mescolando velocemente, quindi lasciatelo ancora a bagnomaria per 2-3 minuti in modo che il composto acquisti il suo tipico aspetto vellutato (a questo punto

decidete se, per una più giusta consistenza, è il caso di aggiungere un po’ del latte dell’ammollo). Controllate il sale e insaporite con un solo pizzico di pepe, se dopo mettete i tartufi . In caso contrario potete abbondare.

Ritirate, versate la fonduta nelle ciotole tenute in caldo, cospargete la superficie con lamelle sottili di tartufo e servitela con fette di pane nero tostate a parte. Meglio, se conservate calde avvolte in un tovagliolo.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "FONDUTA VALDOSTANA"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Fonduta, in valdostano “fondua”. Da non confondere con la fondue svizzera che è a base di gruyère (groviera) stagionata, che non ha le uova tra gli ingredienti, che si cuoce in un recipiente di terracotta chiamato “caquelon”. Che richiede, inoltre, a differenza della fonduta valdostana, aglio, vino bianco (Fendant del Vallese) e kirsch.

CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Valle d'Aosta Gamay
Alla vista è rosso rubino vivo, mentre all'olfatto si rivela fruttato, intenso, caratteristico. Il sapore è secco, fruttato, leggermente tannico, con un fondo amarognolo.
Capatosta
Capatosta
Ciliegia matura, note floreali, reminiscenze di fragola, lievi accenni di legno, note più terziarie di terra e cuoio con il passare degli anni. È un vino che ha dimostrato di poter tenere i 10 anni in bottiglia senza particolari problemi.
COMMENTA
#