OK

Boule di mais al formaggio con lavanda e miele
#


preparazione  15 min
ricetta  facile
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI AURORA CORTOPASSI
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA FACILE
TEMPO PREPARAZIONE 15 MIN
TEMPO RIPOSO 30 MIN
PORZIONI 4 PORZIONI
Boule di mais al formaggio con lavanda e miele
ESECUZIONE RICETTA FACILE
TEMPO PREPARAZIONE 15 MIN
TEMPO RIPOSO 30 MIN
PORZIONI 4 PORZIONI
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  • 250 g di ricotta fresca vaccina
  • 90 g di pecorino grattugiato
  • 1 uovo biologico
  • farina di granturco qb
  • farina di mais qb
  • 4 rametti di lavanda non trattata
  • 2 cucchiai di miele di lavanda
  • sale
  • pepe
  • sale marino integrale da macinare
  • olio di semi per friggere
INGREDIENTI
  • 250 g di ricotta fresca vaccina
  • 90 g di pecorino grattugiato
  • 1 uovo biologico
  • farina di granturco qb
  • farina di mais qb
  • 4 rametti di lavanda non trattata
  • 2 cucchiai di miele di lavanda
  • sale
  • pepe
  • sale marino integrale da macinare
  • olio di semi per friggere
INTRODUZIONE
Ricetta abbinata al Colle Duga 2012 di Damian Princic

Per sapere la verità su di un vino, come su tutte le cose, bisognerebbe ascoltare al riguardo un esperto e un bambino. Ma essendo l’assaggio al bambino precluso dal buonsenso e dall’uso, si spiega il proliferare di  pareri illustri di palati colti e educati, e di contro la mancanza di quell’impertinenza naif e spiazzante, capace di dire che “il re è nudo”. O che il vino sa di qualcosa di diverso dal fiore, dal frutto, dal minerale.
Questo Damian Princic, vino pregiato, che ho avuto la fortuna di dover assaggiare e abbinare, la sera dell’arrivo è capitato oltre che nel mio anche nel bicchiere dei miei commensali, perché va bene studiarsi naso e salatura, ma una bottiglia va pur condivisa! Ebbene, mentre io lo sorseggiavo scovandovi il miele e il nervo secco, Diana, che il vino lo conosce e lo ama come si ama un uomo, ma nonostante l’inarrivabile altezza di centottantadue centimetri è veramente una mezza bambina, ha avuto l’intuizione di sentirci il mais. Ma non il mais comune: quello al formaggio, tostato e fritto, che nella sua versione industriale a forma di saetta è assai famoso. Io devo dirlo, credo proprio che abbia ragione.

Ho avuto una seconda bottiglia per controllare che non si trattasse della suggestione, come per certe allucinazioni di gruppo: aveva davvero ragione. Il vino è stupendo, con tratti immediati e profumati, che però si aprono in larghezza, costruendo un vuoto rotondo pieno di attese, che va colmato per contrappunto con qualcosa di forma e sapore altrettanto rotondo, che abbia miele, lavanda, sale a fior di pelle, una certa stagionatura pungente.
E il mais, fritto.
PROCEDIMENTO
In una terrina mettete la ricotta, il pecorino, una presa di sale, un pizzico di pepe e lavorate con una forchetta fino a ottenere un mix pastoso e omogeneo. Tenete da parte i fiori della lavanda, sminuzzatene i ciuffetti di foglie e aggiungeteli al composto. Fate rassodare in frigo per mezzora.
Disponete in un piatto l’uovo sbattuto con un pizzico di sale, e in un altro la farina di granturco (circa 1 bicchiere). Prendete quindi la pasta di formaggio e, con le mani inumidite, formate delle polpette della dimensione di olive ascolane. Passatele nella farina di mais, poi nell’uovo, ed infine di nuovo nella farina di mais.
Friggete le boule di formaggio in abbondante olio di semi ben caldo, avendo cura di scolarle con delicatezza su un foglio di carta assorbente appena si indorano: proseguendo nella cottura rischierebbero di spaccarsi. Disponete le boule ben calde nel piatto, versatevi il miele a filo e profumate con i fiori della lavanda che avevate tenuto da parte. Solo all’ultimo aggiungete una macinata di sale marino integrale.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "BOULE DI MAIS AL FORMAGGIO CON LAVANDA E MIELE"

This is the info These are the ingredients
CONDIVIDI
COMMENTA
#