OK

Le 37 migliori ricette per condire gli gnocchi

Data pubblicazione 18.02.2021
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
CONDIVIDI
#

Gli gnocchi attraversano le tavole italiane da nord a sud, senza campanile. Mille preparazioni, ma un filo comune: le patate, spesso ma non sempre, e la farina. Possono essere più o meno sodi, più o meno lavorati, più o meno conditi, ma sono sempre nutrienti e gustosi. Nella gallery abbiamo selezionato i 37 migliori gnocchi della nostra vita. Quindi, sbizzarritevi.

La ricetta base, più facile a farsi che a dirsi, degli Gnocchi di patate è la tavola bianca da cui partire per infinite variazioni sul tema che dipendono dalla tradizione e dagli ingredienti a disposizione, ma soprattutto dalla fantasia e dalle preferenze personali. Abitualmente si usano le patate a pasta bianca e possibilmente vecchie: più hanno perso turgore, e quindi acqua, più saranno farinose. Ma anche le patate rosse sono molto utilizzate.

Cominciando dai classici ci sono gli Gnocchi di patate al pomodoro e basilico che piacciono molto anche ai bambini. Sì perché gli gnocchi (o i gnocchi, al nord) sono un piatto veramente trasversale e non a caso non mancano le ricette ad hoc pensate per la tenera età come gli Gnocchi di semolino. E ce n'è anche per gli intolleranti o celiaci che possono godersi gli Gnocchi senza glutine con la farina di riso.

Quando è stagione, sono una prelibatezza da provare gli Gnocchi di zucca, altra tavolozza da cui partire per nuove combinazioni.

Infine, sapete perché si dice "Giovedì gnocchi"? Bisogna ripescare il motto romano che recita: "giovedì gnocchi, venerdì pesce, sabato trippa". Un'usanza nata con la doppia funzione di razionare il cibo, che scarseggiava nel dopoguerra, e, in osservanza della tradizione cristiana che raccomandava di consumare un pasto "magro" il venerdì. Così il giovedì era diventato il giorno dedicato a un pasto sostanzioso. E cosa c'era (e c'è ancora) di meglio di patate, farina, eventualmente uova e un bel sughetto fatto in casa? 

Noi, come i romani, manteniamo quindi la tradizione ed esclamiamo anche: "Ridi ridi che la mamma ha fatto i gnocchi!", altro modo di dire, questa volta ironico e popolare che rimanda alla reazione infantile e senza senso di fronte a un cibo gradito, anche quando magari non è il caso di ridere.



COMMENTA

LEGGI ANCHE

Leggi tutto
#