OK

Coda di Rospo in Padella con Peperoni in Agrodolce

Preparazione
50 min
ricetta
facile
VOTO MEDIO
Coda di Rospo in Padella con Peperoni in Agrodolce ricetta
Condividi
Esecuzione
facile
Tempo Preparazione
50 min
Porzioni
4
Tempo totale
50 min

PROCEDIMENTO

Non è più così difficile trovare in pescheria la coda di rospo, altrimenti conosciuta come rana pescatrice per sottili sfumature semantiche che ai più non è dato di afferrare nella loro complessità: non regalata, ma nemmeno a prezzi da cravattari. Dunque appropriati di un animale di circa ottocento grammi e ritorna felice alla magione.

La rana pescatrice, abominevole ma libera, viene di solito fornita decollata per non impressionare i deboli e i piccini: che è veramente di straordinaria bruttura: sarà perciò facile ottenere i filetti. Basta infatti seguire la grossa spina dorsale priva di lische vere e proprie sparse tutt'attorno per ottenere gli spavaldi cilindretti pronti alla bisogna.

PROCEDIMENTO

Monda i filetti dalle varie barbe epidermiche e ricava da ogni filetto otto dischi di due cm di spessore, lasciando per futuri ragù la parte terminale in cui i filetti s'assottigliano a cuneo.

Dal grosso blocco di lardo (poco) stagionato di cinta senese ottieni altrettante fettine, possibilmente sottili, con cui arrotolerai i dischi per la circonferenza.

A parte taglia a metà due peperoni Quadri di Casale, uno rosso e uno giallo. Pulisci dai semi, dai picciuoli e dalle bianche frappe, eliminando le parti più curve ed arricciate: dai rettangoli così rimasti ricava delle sottili tagliatelle in tutta lunghezza.

In una padella non troppo grande scalda un niente d'olio evo e deponi i peperoni a fiamma bassa, appena che s'ungano per non attaccare. Poi irrora con un cucchiaiono di Aceto Balsamico Tradizionale, vuoi Reggiano vuoi di Modena, e allunga con un mestolo d'acqua calda. Copri e lascia stufare per una mezz'ora, salando moderatissimamente solo alla fine.

Scalda bene una padella antiaderente e deponi sul fondo i dischi di pesce ben bardati: sfrigoleranno e fumeranno indiavolatamente per un minuto per parte: non c'è bisogno di aggiungere grassi che ve n'è già a sufficienza. Versa il vino bianco dolce che amalgamerà bene il sapido del lardo con il delicato sapore del pesce senza obliterarlo.

Aggiungi un pizzico di salfiore e poni ai piatti, mettendo a parte un ciuffetto delle tagliatelle di peperoni ammorbidite. Un niente di pepe nero appena pestato e un bella pioggia di prezzemolo termineranno il piatto.

L'avrai ben speso con l'eccellente Malvasia Colli Piacentini Donna Luigia di Torre Fornello.

Commenti

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "CODA DI ROSPO IN PADELLA CON PEPERONI IN AGRODOLCE"

Se volete rispettare la tradizione, per il cenone di Capodanno non potete far mancare ai vostri ospiti il cotechino con le lenticchie. Questo secondo piatto è molto antico, si può dire che il cotechino sia il primo insaccato della storia, fatto con... Leggi tutto

Tempo: 10 minuti

Condividi