OK
...

Crumble al cavolfiore con formaggio e nocciole


preparazione  30 min
ricetta  facile
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA FACILE
PREPARAZIONE 30 MIN
COTTURA 50 MIN
PORZIONI 4 PORZIONI
INGREDIENTI
  • PER IL CRUMBLE
  • 100 g di farina 00
  • 80 g di burro freddo
  • 60 g di nocciole tostate
  • 50 g di parmigiano reggiano
  • 1 pizzico di sale iodato
  • INOLTRE
  • 400 g di cavolfiore (al netto degli scarti)
  • 150 g di fontina
  • olio extravergine di oliva
  • sale iodato
  • pepe
PROCEDIMENTO
Mondate il cavolfiore, eliminando gambo e foglie. Sbollentate le cime in acqua bollente salata per alcuni minuti, per intenerirle senza farle diventare troppo morbide. Scolatele e bloccate la cottura sotto un getto di acqua corrente fredda. Eliminate l’acqua in eccesso.

Per preparare il crumble raccogliete in una ciotola il burro a pezzetti, la farina, il parmigiano tagliato a dadini e le nocciole. Aggiungete il sale iodato e frullate con il mixer in maniera discontinua, fino a ottenere un composto sbriciolato. Fatelo riposare in frigorifero.

Preriscaldate il forno a 180°. Riunite il cavolfiore in una ciotola insieme alla fontina tagliata a dadini piccoli, all’olio extravergine di oliva, al sale e al pepe. Mescolate e trasferite in una pirofila. Coprite in maniera regolare con la pasta da crumble sbriciolata con le dita.

Cuocete per circa 30-40 minuti, sfornate e servite.


SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "CRUMBLE AL CAVOLFIORE CON FORMAGGIO E NOCCIOLE"

PER SAPERNE DI PIÙ
Il crumble è un piatto di  origine inglese e irlandese, può essere dolce o salato, caratterizzato da una copertura che, cotta al forno, risulta friabile e croccante. In questa ricetta il crumble è un piatto saporito e nutriente a base di cavolfiore, un ortaggio tipico invernale caratterizzato da un discreto contenuto di potassio, calcio, fosforo, ferro, acido folico e vitamina C.

Il formaggio aggiunge alla ricetta un apporto di proteine che, in combinazione con i carboidrati della farina, rendono questa ricetta un piatto completo. Da segnalare le proprietà nutrizionali delle nocciole, semi oleosi ricchi di proteine, vitamine (E, B6, folati e tiamina) e sali minerali (rame, ferro, manganese e calcio).

Il cavolfiore è considerato un alimento che favorisce l’insorgenza di gozzo (“gozzigeno”) perché la sua assunzione interferisce con il metabolismo dello iodio facendone aumentare il fabbisogno; questo va tenuto in considerazione in presenza di gozzo e di ipotiroidismo da carenza di iodio, oppure se si vive in una zona con carenza iodica. In ogni caso l’effetto gozzigeno di questo alimento è proporzionale alla quantità consumata e il consumo non continuativo e in quantità moderate di cavolfiore, peraltro come detto molto ricco di minerali e vitamine, non determina particolari problemi. Inoltre si ricorda che per un corretto apporto di iodio in ogni condizione è raccomandato il consumo di sale iodato (per saperne di più visita il sito www.iss.it.osnami).


CONDIVIDI
COMMENTA
#