OK
...

Crostini di polenta al gorgonzola


preparazione  30 min
ricetta  facile
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA FACILE
PREPARAZIONE 30 MIN
COTTURA 55 MIN
CALORIE 505 CALORIE
PORZIONI 8 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 225 g di farina gialla
  • 250 g di gorgonzola morbido
  • 70 g di burro
  • 30 g di Grana Padano grattugiato
  • olio
  • sale
PROCEDIMENTO
Preparate una polenta piuttosto soda cuocendo la farina con un litro d’acqua per circa 45 minuti continuando a mescolare. Prima di toglierla dal fuoco mantecatela con 50 g di burro e il Grana Padano grattugiato. Versatela su un piano di marmo bagnato e con una spatola stendetela allo spessore più o meno di un centimetro livellandone la superficie. Lasciatela raffreddare. Nel frattempo, in una ciotola amalgamate il gorgonzola con 20 grammi di burro facendone quasi una crema. Quando la polenta si è ben raffreddata con l’apposito stampino circolare ritagliatela a dischetti e friggeteli in olio ben caldo oppure fateli dorare in forno riscaldato a 180°. Disponete i dischetti di polenta sul piatto da portata caldo, spalmateli con la crema di gorgonzola e serviteli subito.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "CROSTINI DI POLENTA AL GORGONZOLA"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
la polenta ricorre da sempre nella cucina veneta e conta moltissime ricette. Tra queste, una delle più classiche è la “polenta pastissada” che alterna strati di fette di polenta dura a sughi di carne, di rigaglie e di funghi, burro e Grana Padano, il tutto gratinato in forno a 200° per 15 minuti.


CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Valpolicella
Colore rosso rubino caldo, splendente e profumo ampio, di mandorla su fondo di frutti di bosco. Al palato è delicatamente asciutto, morbido.
Scalabrone
Alla vista si presenta con un brillante rosa peonia. Al naso è intenso e ricco, con fragranti note di frutta rossa assolutamente integre, dove predomina la ciliegia, che si vanno a fondere con sentori di erbe aromatiche. Al palato è sapido, persistente, con retrogusto gradevolmente fruttato.
COMMENTA
#