OK
#

Piccolo è meglio

Data pubblicazione 13.05.2013
#
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI DAVIDE COCCO
Piccolo è meglio
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
Un pastificio che ha avviato la prima “filiera dei contadini” del grano biologico italiano.  Paolo, pescatore e guida ambientale nel porto di Talamone, che sceglie la pesca sostenibile. Elibelinde, in turco antico “la donna con le mani sui fianchi”, un ristorante con l’anima a Rende. Senza trucco, il documentario indipendente di Giulia Graglia che parla di quattro donne del vino naturale. Sono solo alcune delle 20 piccole storie che Chiara Spadaro racconta nel suo Piccolo è meglio, edito da Altreconomia.

Era il 1973 e Ernst Friedrich Schumacher scriveva “Non ci sono abbastanza segni dei tempi che indicano la necessità di una nuova cultura di partenza?” nel suo testo Piccolo è bello – studio di economia come se la gente contasse qualcosa. Chiara parte da qui e la risposta è nella narrazione di un’altra Italia dove le imprese propongono modelli economici e sociali differenti. Imprese piccole, dove piccolo è sinonimo di rete locale, filiere corte, economia di relazioni, progetti sostenibili, lavoro solidale. Perché sono meglio secondo l'autrice? Perché questo sistema sembra funzionare e il libro lo racconta. Come il microbirrificio artigianale di Crevalcore, un paese a pochi chilometri da Bologna. Si chiama Vecchia Orsa ed è un’idea della cooperativa FatoriAbilità nata davanti ad un piatto di lasagne per creare lavoro a ragazzi diversamente abili. Oggi i ragazzi operano in tutte le fasi di produzione e le birre Vecchia Orsa hanno ottenuto diversi riconoscimenti, come l’inserimento nella guida Slow Food.

Piccolo è anche il libro stesso perché, ancor prima della pubblicazione, è stato supportato attraverso Produzioni dal basso, piattaforma di crowdfunding: un metodo di raccolta fondi e finanziamento attraverso una sottoscrizione popolare per la realizzazione di un progetto.

Chiara Spadaro è antropologa e giornalista. Firma di Altreconomia, premiata con la "Penna d'oca 2012", oltre a Piccolo è meglio ha scritto “Il frutto ritrovato” e "Adesso pasta!". Ha un debole per tutto ciò che è Portogallo, dai luoghi alle poesie.

COMMENTA

LEGGI ANCHE

Leggi tutto
#