OK
#

Come preparare il vassoio per la colazione delle Feste

Data pubblicazione 21.12.2017
#
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
Il vassoio della colazione
CONDIVIDI
#
#
#
#
#

Illustrazione di Giulia Zaffaroni

 

La colazione è un piccolo lusso che tutti potremmo concederci. Nei giorni lavorativi, però, consumare questo pasto con calma non è sempre possibile, ma nel fine settimana o durante le vacanze di Natale c’è più tempo per organizzarsi, e preparare una prima colazione che possa un po’ viziarci (e viziare).

Come si può realizzare una colazione particolare approfittando dei giorni di festa? Mettendo indietro le lancette dell’orologio, chiedendo qualche preziosa suggestione a un volume dal titolo Grazie si, grazie no, edito nel 1953 da Editoriale Domus che si propone di essere “Il vademecum del saper vivere moderno”, così come scritto nel sottotitolo. Una pubblicazione che ruota attorno al galateo e alle sue regole: che, a volte, è bello e interessante riscoprire, così come fatto nel pezzo Come apparecchiare la tavola, per vedere cosa, se e quanto è cambiato.

Chi sono i protagonisti delle colazioni comode e confortevoli del passato (ma anche del presente...)? Il letto e il vassoio. Una combo che genera relax al solo pensiero. Ecco quindi come si presentava il vassoio del primo pasto del mattino in camera, con le parole di allora.

Il vassoio per la colazione a letto
Il vassoio col quale viene servita la colazione in camera dev’essere coperto da un tovagliolo, o dal coprivassoio fatto su misura, perché si tratta di riprodurre in miniatura una tavola da pranzo. Il vassoio per la colazione a letto va infatti preparato come si preparerebbe il posto per un commensale: il piatto col tovagliolo, la forchetta (o le forchette) a sinistra, il coltello e il cucchiaio a destra. La teiera o la caffettiera sarà disposta nell’angolo a destra in alto; il barattolo della marmellata, la zuccheriera, ecc. a sinistra.

Vi sono tre tipi di vassoi per il letto: quello con le gambe pieghevoli, quello assolutamente piatto o col bordo rialzato e quello che ha ai lati due cestini di vimini, aperti, per la posta e i giornali.

La disposizione, da vedere nell’illustrazione
A sinistra è un piatto con i toasts, accanto la marmellatiera e sopra a questa lo spargisale (per chi usa prenderlo con pane e burro) a destra di questo la zuccheriera, la lattiera e un bricco per l’acqua calda del tè.  Sotto a questo, la teiera e più sotto ancora la tazza per il tè con il piattino, a sinistra posate e piatto da dessert, e a sinistra ancora il piattino del burro con coltellino. A sinistra della teiera, vi è un bicchiere da bibita (per i succhi di frutta).

 

 



COMMENTA

LEGGI ANCHE

Leggi tutto
#