OK

DOC Valle d’Aosta Petite Arvine – Les Crȇtes 2011


Data pubblicazione 12.06.2013
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
Che poi c’è quel parametro, in tutte le schede di degustazione, che è l’intensità gustativa. E nessuno, o quasi, a filarselo. E poi tutti a parlare delle relazioni tra vitigni atesini e zone tedesche, e nessuno, o quasi, che dica una parola sugli imparentamenti tra autoctoni valdostani e Svizzera.



Per chi, come il sottoscritto, ama sopra ogni cosa scavare le perle nella penombra, descrivere questo Petite Arvine, autoctono bianco valdostano con ramificazioni varie in terra elvetica, è un vero piacere. E Les Crȇtes, portabandiera dell’enologia montanara, garantisce una esecuzione super: 10 quintali per ettaro, vigneti a 500 metri, terreni sciolti.



Poco intenso e proprio salato, ma non minerale, al naso, con frutta bianca e sfumature agrumate, al palato ti strabuzza gli occhi con una intensità gustativa che solo i grandi vini bianchi sfoggiano. Una acidità salatissima, vistosa e pressante, ma che non si isola mai. Finale in corrispondenza, di grande persistenza, davvero incisivo, di iodio e agrumi.



Vino di contrasto superiore, non molto complesso ma di purezza rara. I sali senza i minerali, per dirla scherzosamente. 15 €.

CONDIVIDI
COMMENTA

LEGGI ANCHE

#