OK
TAG:

Tenere crocchette di Asiago e mandorle


preparazione  15 min
ricetta  facile
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA FACILE
PREPARAZIONE 15 MIN
COTTURA 40 MIN
LUOGO RIPOSO FRIGO
CALORIE 800 CALORIE
PORZIONI 6 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 300 g di Asiago fresco
  • 200 g di Asiago stagionato
  • 250 g di mandorle spellate
  • 2 uova
  • farina
  • sale.
  • PER LA BESCIAMELLA:
  • 80 g di farina
  • 60 g di burro
  • 2 tuorli
  • 1/2 l di latte
  • sale
PROCEDIMENTO
In una casseruola lasciate sciogliere il burro, unite la farina, mescolate velocemente e diluite il composto con il latte versato a filo continuando a mescolare. Cuocete a fiamma moderata per venti minuti o più fino a quando la besciamella si addensa bollendo dolcemente, regolate il sale e ritirate dal fuoco. Lasciate intiepidire a parte.

Nel frattempo, grattugiate l’Asiago fresco e quello stagionato, incorporateli alla besciamella tiepida, quindi, uno alla volta, unite al composto anche i due tuorli continuando a mescolare rapidamente. Mettete in frigorifero e lasciate raffreddare.

Intanto, tagliate le mandorle a scaglie, sgusciate le uova, sbattetele e salate con moderazione. Ritirate la besciamella dal frigorifero e prendendo un cucchiaio di composto alla volta formate delle crocchette, rotolatele prima nella farina, poi nelle uova sbattute, infine sulle scaglie di mandorle facendo in modo che restino ben aderenti alle crocchette.

In una larga padella scaldate abbondante olio e friggetevi poche crocchette alla volta ritirandole quando sono mediamente dorate. Asciugatele su carta assorbente da cucina e servitele ancora ben calde.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "TENERE CROCCHETTE DI ASIAGO E MANDORLE"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Secondi Piatti"
 
CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Barbera della Stoppa
Barbera della Stoppa
Si presenta con un colore rosso rubino poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, eleganti e gradevoli di violetta, amarena e mora seguiti da piacevoli e intensi aromi di mirtillo, prugna, liquirizia e vaniglia. Al palato rivela un attacco piacevolmente fresco e comunque ben equilibrato, buoni tannini, sapori intensi e buon corpo. Il finale è persistente con buoni ricordi di prugna,...
Pinot Nero
Vino predisposto alla lunga sosta in fusti di rovere, dove si affina notevolmente evolvendo le caratteristiche organolettiche in sfumature in cui spiccano il legno bruciato, il tartufo, il lampone e la mora selvatica. Con l’invecchiamento si evolve in elegante bouquet etereo di sottobosco e muschio. Dal colore rosso rubino, asciutto, un po' aromatico.
COMMENTA
#