OK
...

Spalla allo zenzero e agrumi


preparazione  20 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
 
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 20 MIN
COTTURA 2H
CALORIE 325 CALORIE
PORZIONI 6 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 1 kg di spalla
  • 200 g di vino bianco secco
  • 100 g di brodo
  • 60 g di burro
  • 40 g di farina
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 1 arancia
  • 1 limone
  • 2 costole di sedano
  • 1 carota
  • una cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • sale
  • pepe
PROCEDIMENTO
Tagliate molto sottile la buccia d’arancia e limone e tenetela da parte. Spremete entrambi gli agrumi e raccogliete il succo in una terrina, aggiungete aglio e prezzemolo, immergetevi la carne tagliata a dadi e lasciate marinare per due ore. Sgocciolate la carne dalla marinata e infarinatela. In un tegame lasciate fondere 40 grammi di burro, insaporitevi per dieci minuti il sedano, la carota e la cipolla tritati. Aggiungete la carne, quando è colorita spruzzatela con il vino bianco e fate evaporare. Bagnate con il brodo, salate, pepate, coprite e cuocete per circa un’ora e mezzo. Togliete la carne dal recipiente e tenetela da parte. Frullate il fondo di cottura, mettetelo in un tegame, lasciate scaldare e, un minuto prima di servire, aggiungete 20 grammi di burro freddo, la buccia degli agrumi tritata, lo zenzero e il prezzemolo tritato.

Affettate la carne, passatela sul piatto da portata e nappate con la salsa.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "SPALLA ALLO ZENZERO E AGRUMI"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Secondi Piatti"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Studi provenienti dall’Oriente affermano che lo zenzero può rafforzare le difese dell’organismo, soprattutto in caso di infezioni. Fresca o secca, la radice allevia la nausea e riequilibra la flora batterica.


CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Sanct Valentin
Sanct Valentin
Giallo variegato nel colore, con una inconfondibile, unica, fragranza: si sentono le rose, le spezie, il pepe, la noce moscata, addirittura i chiodi di garofano. Ugualmente convincente l’assaggio, con una lunga persistenza finale, data dalla natura stessa di questo vino, saporito per costume. Sopporta splendidamente qualche anno di riposo.
Rosso di Spicca
Rosso di Spicca
La più antica menzione risale al 1884, ottenuta a una manifestazione di Roma nella quale veniva premiato come vino rosso "fine". Ancora oggi la tradizione continua con questo vino dal colore rosso rubino intenso con riflessi porpora, aromi fruttati di ciliegia matura uniti a una leggera nota vanigliata che si apre nel bicchiere a note mentolate. In bocca è sapido, con buona tannicità e freschezza...
COMMENTA
#