OK

Frittatine alla mozzarella di bufala
#


preparazione  30 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI IL CUCCHIAIO D'ARGENTO
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
TEMPO PREPARAZIONE 30 MIN
TEMPO COTTURA 30 MIN
CALORIE 470 CALORIE
PORZIONI 4-6 PORZIONI
Frittatine alla mozzarella di bufala
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
TEMPO PREPARAZIONE 30 MIN
TEMPO COTTURA 30 MIN
CALORIE 470 CALORIE
PORZIONI 4-6 PORZIONI
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  • 4 uova
  • 300 g di mozzarella di bufala
  • 4 cucchiai di farina
  • 1/2 l di latte
  • formaggio grattugiato
  • una ciotola di sugo a piacere
  • burro
  • sale
INGREDIENTI
  • 4 uova
  • 300 g di mozzarella di bufala
  • 4 cucchiai di farina
  • 1/2 l di latte
  • formaggio grattugiato
  • una ciotola di sugo a piacere
  • burro
  • sale
PROCEDIMENTO
Separate i tuorli dagli albumi. In una ciotola sbattete i tuorli, salateli appena, aggiungete la farina poco alla volta. Unite il latte e continuate a mescolare finché la pastella risulta senza grumi. Montate a neve gli albumi e incorporateli con molta delicatezza alla pastella. In un tegame scaldate una noce di burro e cuocetevi quattro frittatine sottili. Disponete la prima sul fondo di una pirofila, versatevi un poco di sugo, coprite con fettine di mozzarella e continuate alternando gli ingredienti. Distribuite il restante sugo e cospargete

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "FRITTATINE ALLA MOZZARELLA DI BUFALA"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Secondi Piatti"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Fondamentale per una buona frittata è il diametro della padella, che va appena velata d’olio: 14 centimetri per 2 uova, 22 per 4; con il burro in frittura, la preparazione rimane più morbida, con l’olio acquista più crosta; la padella va preriscaldata, finché il grasso diventa lucido e uniforme; la fiamma del fornello va tenuta medio-bassa.


This is the info These are the ingredients
CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Vinbrusco
Il Vin Brusco era il vino bianco che i contadini si procuravano dai filari del Chianti. Quando arrivava la vendemmia si raccoglievano per prime le uve bianche, si pigiavano e se ne spillava il mosto fiore per ottenere il Vin Brusco. Solo dopo questa operazione si riprendeva il raccolto con le uve rosse che andavano a mescolarsi con le bucce dei bianchi per fare il vino rosso. La forte acidità da...
Perella
La vigna dove nasce il Perella è la vigna di Fiano più vecchia, esposta a est, dove non subisce il forte calore estivo, protetta dai caldi raggi pomeridiani. Un fiano elegante, dorato, vivido. Giusta morbidezza e bella vena acida. Un vino di assoluto carattere.
COMMENTA
#