OK
#

Abbiamo provato il pokè, il piatto dell'estate che arriva dalle Hawaii

Data pubblicazione 30.05.2018
#
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
il poke, l'insalata di pesce che arriva dalle Hawaii
CONDIVIDI
#
#
#
#
#

Adatto a un pranzo veloce, ma sano e colorato, il pokè è una specialità hawaiana. Si pronuncia  “Poh-Kei” o“Poh-Key” ed è un cibo, che dal 2016 è anche una tendenza gastronomica internazionale, da Londra a New York fino all'Australia. Dagli inizi del 2018 anche in Italia, soprattutto a Milano e a Roma, si sono moltiplicati gli indirizzi in cui gustare questo piatto tipico delle Hawaii. Noi abbiamo provato il pokè a Milano e ve lo raccontiamo, oltre a mostrarvelo in questa GALLERY

COS'E' IL POKE' - Il pokè è una scodella, in inglese bowl, che può avere dimensioni variabili e che si compone di un'insalatona di pesce crudo macerato e tagliato a cubetti e unito a riso o a insalata e a vari condimenti e salse come yuzu, sesamo, teriyaki. Rispetto alla versione originale hawaiana, il pokè si è fuso nel tempo con la tradizione coreana e giapponese. 

LE ORIGINI - Il poké nasce come spuntino salutare dei pescatori dell'Oceano pacifico che tagliavano il pesce appena pescato in piccoli pezzi, lo condivano con sale marino e alghe e lo mangiavano con il riso.

GLI INGREDIENTI - Nella stessa bowl si possono mixare più sapori di mare e di terra come insalata, riso, frutta, verdura, pesce (salmone, tonno, polpo, granchio, branzino), tofu e carne. Ecco qualche combinazione: riso integrale, edamame, sesamo, carote, alga nori, salmone e pollo condito con salsa di soia e salsa teriyaki oppure riso con edamame, carote, cavolo, ananas, salmone e pesce bianco condito con salsa di soya e salsa teriyaki.

COME SI MANGIA - Le modalità che potete trovare sono due: quella componibile al momento, sulla base dei vostri gusti e degli ingredienti freschi disponibili o quella già pronta, sulla base delle bowl che il locale prepara in anticipo. A voi la scelta se inforcare poi le bacchette o la più occidentale forchetta. 

DOVE MANGIARE IL POKE' IN ITALIA - Noi abbiamo provato il pokè nel piccolo punto vendita dedicato, targato "I love pokè", presente a Milano in più zone della città. Trovate il pokè a Milano anche da The Botanical Club, da Macha Cafè, da Maui Poke, da Pokéria, da Poku Poke Place; a Rimini da Waikiki Pokè, a Salerno da Suriso e a Roma da Ami Pokè e da Mama Poke.

CI PIACE PERCHE' - Sicuramente la freschezza degli ingredienti è l'aspetto positivo di questo piatto, che sazia, apportando proteine e grassi buoni. Adatto quindi a tutti: dagli sportivi, a chi è a dieta fino a chi vuole stare leggero senza rinunciare al gusto. E i prezzi sono più contenuti rispetto al sushi: una scodella di pokè si aggira sui 10 euro.

MA ATTENZIONE - Vi deve piacere il sapore del pesce crudo. Come per il sushi, il pokè può stancare e non essere adatto a palati che non hanno confidenza con i sapori nudi e crudi, appunto. Inoltre, fate sempre attenzione e chiedete informazioni sulla provenienza e la conservazione del pesce, per non incorrere in spiacevoli rischi per la salute.

GUARDA ANCHE: Abbiamo provato il sushi burrito. E ci è piaciuto!
Siamo stati nella nuova tiramisuteca di Milano ed è proprio una bella idea!



COMMENTA

LEGGI ANCHE

Leggi tutto
#