OK

Pacifico

#
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI STEFANO CAFFARRI
VOTO
7.0
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
INFORMAZIONI
NOMI PACIFICO
Chef JAIME PESAQUE
Indirizzo Via della Moscova, 29 - Milano
Telefono 02.87244737
Orari di apertura Pranzo e cena
Giorno di chiusura Mai
Periodo di chiusura Variabile
Sito http://wearepacifico.it/
Piatto forte

Ceviche, Dim Sum, Pisco

Prezzo tre piatti 35-50
Visitato in data 16.11.2015
Accetta carta di credito SI
SCOPRI DOV'É

Non solo per curiosità: al Pacifico non si assaggia solo una cucina insolita con ingredienti inusuali, ma un intero campionario di sapori assemblati con attenzione e con un progetto

 

Il locale

Conviene sapere che il Pacifico sta proprio nell'angolo, con le sue belle vetrine ad arco, ma che vedrai l'insegna solo a pochi passi di distanza. Dentro toni scurissimi, di blu oltremare e nero inferno, con inserti brillanti d'oro. Spazi contenuti e tavolini a francobollo, quasi ovvia la scelta del piano ignudo. Luci di giustezza, "sui" piatti.

La cucina

Jaime Pesaque mette in scena una cucina estremamente contaminata: sudamerica e oriente senza soluzione di continuità, come peraltro è nella tradizione peruana dove i ristoranti sono spesso a forte impronta "etnica". Profusione di "bocconi" che diventano piatti, dal ceviche al tiradito, dal dim sum agli especiales. Su tutto l'uso intenso delle spezie e delle piccanze.

I piatti

Si sgranocchia platano fritto con un cocktail, dai classici alle ottime versioni di "pisco", il liquore peruano per eccellenza. Un ceviche asiatico - cioè con il "leche de tigre", la base aromatica agropungente del ceviche, a base di miso - di salmone allieta la non lunga attesa.

Scegli un "Bond" - dalla coppa conica da Martini che l'inarrestabile 007 adora - che accoglie nel leche de tigre gamberi, capesante e polpo e chiude in freschezza con il basilico e l'habanero: la bottarga chiude il cerchio di un boccone seducente, vastissimo, teso e convincente. Il dim sum di pollo "macanese" - ne arrivano tre per porzione - accoppia latte di cocco e paprica, ma chiama a forza le tre salse colorate che giungono al tavolo per definizione: piccante, agrodolce, e sapida.

Tra i "tiraditos" puoi scegliere il Tamarindo, che è tonno con un bel fulmine piccante e la cipolla croccante, molto bello anche a vedersi, mentre La Palta deve il suo nome curioso proprio al suo aspetto finale: la mescolanza degli ingredienti nella setosa salsa dorata trasforma la ciotola in un crogiuolo di sapori per la verità un po' coperti l'un con l'altro, ma che trovano una piacevole via d'uscita nel pizzico di wasabi che resta nel finale.

La cantina

Si beve da una lista di referenze prevedibili e di etichette rassicuranti, ma la vera atout del Pacifico liquido è il mixologist: notevolissima la scelta di coktail realizzati con bello slancio e che risultano particolarmente integrati con la multicolore e multiforme cucina dello chef.

Il servizio

Abilità nel muoversi negli spazi costretti, sollecitudine alle richieste, entusiasmo nella proposta, ampiezza delle (necessarie) spiegazioni, e un senso generale di gradevolezza. Nessuna affettazione, ma una lesta e non troppo distaccata cortesia. I piatti arrivano a tempo, che scorre piacevole.

Il conto

Difficile dare un parametro di spesa per il locale, che all'avventore con la comanda facile può anche portare piuttosto avanti. Per esempio l'assaggio di due piatti e un cocktail potrebbe arrestarsi attorno alla linea dei 50 euro.

 



CONDIVIDI


COMMENTA


#