OK

Gong

#
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI STEFANO CAFFARRI
VOTO
7.4
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
INFORMAZIONI
NOMI GONG
Indirizzo Corso Concordia, 8 - Milano
Telefono 02.76023873
Orari di apertura Pranzo e cena
Giorno di chiusura Lunedì
Periodo di chiusura Variabile
Sito http://www.gongmilano.it/
Piatto forte

Composizione di ravioli misti, Carrè di maialino

Prezzo tre piatti 35-50
Visitato in data 04.05.2016
Accetta carta di credito SI
SCOPRI DOV'É

"Attitudine orientale" è la definizione che questo locale dà di sè, ed è anche la più azzeccata: ispirazioni cinesi riviste attraverso una lente occidentale. Con un servizio di sala tra i più attenti.

 

Il locale

Linee ortogonali, nitore delle disposizioni, grandi cerchi a rappresentare appunto i gong: nessun dubbio che ci si trova in una Casa dai tratti orientali, in cui si porta al massimo grado la piacevolezza dell'esperienza anche grazie alla confortervolezza della seduta.

La cucina

Ennesima avventua di una famiglia di ristoratori ormai milanesissimi, ricalca una formula conosciuta ma senza ripetizioni di stile o di merito: l'attitudine sì, è quella. Materia, cura della presentazione, puntiglio nelle preparazioni e ricerca delle sfumature è il titolo di merito.

I piatti

Vale la pena di inoltrarsi nella via fitta di cantieri solo per accomodarsi e affondare lo sguardo - e il naso - nel piccolo cestino di ravioli misti. Colori accesi, profumi decisi sono l'antifona di una selezione di composizioni che vanno dal pesce alla carne con tocco delicato ma preciso, una vera danza di pura piacevolezza.

Articolato il piatto che contiene gli "spiedini di foie gras": Fritto Dorato, con composta di cipolla e panatura croccante, un morso dalle vibrazioni più dolci che agre ma in somma composto e pure appagante. Colorato. Spettacolare nella denominazione ma più normale nel risultato il riso nero "Gong Style", che fa sfoggia di disidratazioni (di capesante, di gamberi) e fili di patate.

Ammaliante il piatto di maialino: bellissimo in forma e buonissimo in sostanza. Carne così tenera da divenire quasi una gelatina, sovrapposizioni di grasso e di glasse, croccanza di pistacchi, una salsa ben ridotta e velata. Eccellente.

Tra i dolci un sandwich di cioccolato bianco e nero, particolarmente convincente nel progetto, aereo e tridimensionale, e pure nell'assaggio che scorre via con agilità. Non mancano pezzi di piccola goloseria.

Cantina

La scelta non è banale nè ristretta: si può bere in lungo e in largo, spendendo e scegliendo tra etichette famose e meno famose, soprattuttto convenzionali.

Il servizio

Di certo tra i punti a favore di questo elegante locale il servizio: trattamento principesco, dovizia di informazioni, reattività fulminea, intuizione, anticipazione delle esigenze, flessibilità. Applausi sonori.

Il conto

Nello sterminato menù ci sono scelte che arrotondano parecchio l'addizione e altre che la possono limitare: un giro di dim sum, per esempio, potrebbe fermare il conto al di sotto della soglia dei 50 euri. Pescando più entusiasticamente dalla carta si sale rapidamente. Ma il controvalore è chiaro e proporzionato. Te ne vai accompagnato da saluti cordiali e sorrisi, e male non è.

 



CONDIVIDI


COMMENTA


#