OK
...

Struffoli


preparazione  20 min
ricetta  media
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
CONDIVIDI
#
ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 20 MIN
COTTURA 30 MIN
RIPOSO 2H
CALORIE 800 CALORIE
PORZIONI 6 PORZIONI
INGREDIENTI
  • 600 g di farina
  • 250 g di miele
  • 6 uova
  • 2 tuorli
  • 100 g di scorzette d’arancia candita
  • 100 g di cedro candito
  • 3 arance
  • 1 limone
  • 50 g di zucchero
  • 50 g di strutto
  • olio
  • sale
PROCEDIMENTO
Disponete la farina a fontana, al centro sgusciatevi le uova intere e i due tuorli, un pizzico di sale, un cucchiaio di zucchero, lo strutto, la buccia grattugiata del limone. Impastate bene fino a ottenere un composto liscio, dividetelo e formate dei bastoncini dello spessore di un dito, tagliateli a palline dal diametro di un centimetro circa.
Friggetene poche alla volta in abbondante olio caldissimo. Ritiratele con la paletta bucata e lasciatele sgocciolare su carta assorbente.
In una casseruola fate sciogliere il miele, ritirate, mescolando aggiungete la buccia grattugiata delle arance, gli struffoli fritti, il cedro e le scorzette a pezzettini dell’arancia candita. Continuate a mescolare delicatamente per non rompere gli struffoli e lasciate che assorbano bene il miele.
Ritirate, versate il composto a forma di piramide sul piatto da portata, lasciate riposare due ore e servite.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "STRUFFOLI"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Dolci"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Gli struffoli sono un tipico dolce natalizio napoletano. E ne fanno parte tutti i tipici ingredienti della pasticceria meridionale come il miele e la frutta candita, eredità dell’antica Grecia. Tanto è vero che il nome deriverebbe proprio dal greco “strongoulos”, arrotondato, riferito alla forma delle palline che formano il dolce. In Umbria e in Abruzzo un dolce identico prende il nome di “cicerchiata”, perché le palline di pasta hanno una forma simile a quella dei legumi, le cicerchie.

CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Passito
Vino da dessert, è di colore giallo dorato, dalla ricca complessità aromatica: camomilla, miele, pesca matura, fiori di acacia, vaniglia. Al palato è ben strutturato, ha personalità elegante, dai toni dolci e dalla vena austera; sfoggia sentori che ricordano la nocciola tostata.
Rosalia
Raggiunto un appassimento naturale degli acini sulla pianta, si procede alla raccolta graduale. La fermentazione alcolica viene avviata in acciaio, alla temperatura controllata di 20 °C, per poi proseguire in barrique di rovere francese e bloccata al livello desiderato di equilibrio tra grado alcolico e concentrazione zuccherina.
COMMENTA
#