Tenuta Santedame '14, un classico Chianti Classico - Appunti di Gola

Tenuta Santedame ’14, un classico Chianti Classico

Pubblicato il: 9 Maggio 2017

Argomenti: Vino

Tags: , , , ,

Gallo Nero e tutto, il Chianti Classico Santedame possiede l’architettura e l’esoscheletro dell’archetipo: la prevedibilità qui diventa perciò l’essenza stessa, la stessa ragione di esistere di questo vino. Un Chianti Classico, riconoscibile e certo.

Come l’artista che ripete la stessa canzone, la stessa immagine con variazioni appena percettibili, ecco una esposizione a tema Chianti, prevalentemente Sangiovese, e un saldo di vitigni ammessi: Colorino, Merlot, Cabernet. Che non s’affermano ma reggono la scena, con misura e un certo che di garbo.

santedame 14 chianti classico 03 copia

Ecco, il garbo che accoglie e contiene l’esuberanza del vitigno principale, guidandolo verso una bevuta accessibile e pur importante: ineluttabili le fritta rosse, palesi le effrazioni dolci di vaniglia, intime le screziature vegetali, come di cuori di carciofo e tralci di vite. Infinita la teoria dei ricordi, conclusi in lontananza dalle emergenze più scure e ritenute: il legno di un gozzo bagnato d’acqua salmastra, una corda di canapa stesa al sole.

Sorso felpato, come t’aspetti: appena tondo, appena levigato, appena ripiegato all’attacco, poi librato sul tratto alcoolico, sui tannini lucidi, sul finale chiaro e conchiuso. Ben prima del mezzo del cammin della sua vita, parla di gioventù ad ogni sorso, pur contenendone le screziature in compostezza, sul filo della calligrafia.

Ne vorresti, a seguito di selvaggine volatili, a rosto e in salmì.

santedame 14 chianti classico 01 copia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *