Pacelli Zoe: un Riesling di Calabria strano ma vero. - Appunti di Gola

Pacelli Zoe: un Riesling di Calabria strano ma vero.

Pubblicato il: 11 Marzo 2016

Argomenti: Vino

Tags: ,

La bottiglia dura meno dello stupore: un Riesling Italico, spumantizzato maison, Metodo Classico. E non sono patate.

Le tenute Pacelli s’elevano a 400 metri sul mare, dalle parti di Malvito Cosenza, ridente località dimenticata negli anfratti interni della costa tirrenica. Rese francescane, uva nordica, climi sudisti, vinificazione artigianale. Il risultato è un bicchiere che schiaffeggia ogni pregiudizio, teso e nervoso come un torero prima della corrida, solido e concreto come i muri dell’arena. Zona sole.

Spuma pigro, e va bene: in quell’oro nuovo liquido, in cui la luce passa come il balèno. Perso l’istante in cui l’aroma è distratto e spigoloso, appena tolto il tappo, hai un abbraccio ampio, polputo, generoso, una specie di cornucopia di sensazioni gaudenti.Grosse. Persistenti. Ammalianti. Frutta stramatura, fiorellini, lenzuola di lino del corredo buono. Bellissimo il finale, una specie di irriverente intersezione di glacido e fumoso. Adorabile.

Poi l’assaggio azzera ogni discorso, diraspando l’ipnosi dei profumi in un sorso inebriante, sorprendente: in cui precipita questa sensazione di maturità giustificata dai 24 mesi di riposo sui lieviti, e si coagula attorno ad un finale che s’affina, s’assottiglia attorno ad un fondo dolce ed una superficie lucida, convincente.

Averne.

2 Commenti a Pacelli Zoe: un Riesling di Calabria strano ma vero.

  1. […] Sarawak pestato al momento in mortaio e una fogliolina di mirto. Non ho paura di bèrci dietro lo Zoe di Tenuta Pacelli, Riescling di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *