Non solo piada? - Appunti di Gola

Non solo piada?

Pubblicato il: 22 Maggio 2017

Argomenti: Pietanze

Tags: , , , ,

Non saprei nemmeno come chiamare questo disco di pasta cotto in padella. Pita, pizza, piada, naan, chapati. Il procedimento è semplice: prendo 400g di farina 0, la impasto con il 50% d’acqua, un po’ di sale, un mezzo cucchiaino di cremor tartaro e un mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio. Finisco con un nonnulla di strutto.

Faccio riposare per un’ora circa, se ho spazio anche più a lungo. Poi stendo con il mattarello delle pallette di 100g, avendo cura di dare una forma più o meno vagamente tondeggiante. Spessore 2 o 3 mm.

Arrovento una padella, e adagio il disco di pasta: appena inizia a gonfiarsi lo giro: si aprirà a palloncino. Lo giro di nuovo e faccio cuocere con il calore e il vapore per un minuto o due, poi metto da parte per continuare con il residuo.

Lo accompagno con quel che mi viene, dal formaggio molle, all’hummus, ad una insalata di lenticchie. Bevo vino bianco macerato, come la Ribolla di Damijan Podversic

chapati - 39

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *