Cotechino con le lenticchie - Appunti di Gola

Cotechino con le lenticchie

Pubblicato il: 23 Gennaio 2018

Argomenti: ricette

Tags: , , , , ,

Il freddo che improvvisamente è tornato a palesarsi in questa valle di lacrime ha reso di nuovo legale i piatti invernali e autunnali: dunque il cotechino colle lenticchie. I legumi sono quelli preziosi di Castelluccio, mentre l’insaccato, bello polputo e di diametro generoso, è di produzione artigianale a firma Peck.

Occorrente per 4 persone
1 cotechino
250g di lenticchie di Castelluccio
cipolla, carota, sedano
1 cucchiaio di concentrato di pomidoro (facoltativo)
olio, pepe, sale
due foglie d’alloro

Per prima cosa ammolliamo il cotechino. Pur essendo ritenuta pratica non indispensabile, la buona tensione della budella utilizzata per questo prodotto mi fa propendere per un bagno di tre o quattro ore, sei al massimo, in acqua fredda. Poi cambiamo l’acqua e mettiamo la casseruola al fuoco, bassissimo, e ci predisponiamo ad attendere per almeno tre ore emmezzo. Non dimentichiamo di bucare la budella: obbligatorio usare uno stecchino in punti irregolari. Dimenticare la forchetta, perchè i quattro buchi vicini ed allineati porterebbero quasi certamente ad una rottura del rivestimento.

Se cuciniamo per la sera basta mettere in acqua le lenticchie al mattino. Faremo poi un piccolo soffritto sul fondo di una casseruola con le verdure tritate finissimamente e l’olio, a cui aggiungiamo poi le lenticchie e il concentrato. Facciamo cuocere tre quarti d’ora.

Tutto pronto, affettiamo il cotechino e lo accompagniamo con le lenticchie. Abbiamo finito e possiamo versarci un bicchiere di Grasparossa: amo il Libeccio di Danny Bini, vecchio anche d’un par d’anni.

  • cotechino e lenticchie - 0065
  • cotechino e lenticchie - 0064
  • cotechino e lenticchie - 0063
  • cotechino e lenticchie - 0062

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *