Colfòndo e i suoi Prosecchi - Appunti di Gola

Colfòndo e i suoi Prosecchi

Tutto nacque con una telefonata di Luca Ferrari, Responsabile Eventi dell’AIS Reggio EMilia, che mi chiese se ero disponibile per una serata dedicata al Prosecco Colfòndo. Parafrasando Don Lisander Manzoni, lo sventurato rispose: conscio che affrontare una platea di pregnante estrazione AIS con dei vini così balenghi come i Colfòndo poteva essere un bel revival di “Pietre” del mai dimenticato Gian Pieretti.

S’è organizzato, perciò, portando una bella batteria di 10 Colfòndo più due extra quota, bottiglie vecchie utili a dimostrare la incredibile longevità di questa tipologia.

La serata è stata divertente. S”è aperto il discorso iniziando a dimostrare con due video musicali – la versione di SOS degli ABBA e quella, devastante, dei Portishead – che con le stesse note, con gli stessi ingredienti si possono ottenere risultati molto diversi. Non sono poi valsi gli sforzi successivi a cancellare dai volti le espressioni stralunate di fronte a sensazioni che raccontano la bellezza senza avvalersi della scorciatoia della grazia: ma grazie anche alla calorosa partecipazione di Luca Ferraro di Bele Casel e di Maurizio Favrel di Malibran, che si sono prodigati in una condivisione franca e sincera delle loro visioni personali, aziendali ed enologiche, il tempo è volato. Forse non tutti si sono innamorati dei Prosecco rifermentati in bottiglia, ma di certo si sono trovati di fronte ad un nuovo paradigma sia nel vino, sia alla comunicazione che lo riguarda. Poche attenzioni alle definizioni burocratiche, i vini sugli scudi.

Ecco ora una breve disamina della batteria.

1. Martignago (Asolo) – Bixio Spumante Dosaggio Zero
Pulito, freddo, quasi mentolato, con qualcosa di salmastro. Sorso sottile, aderente al tipo.

2. Bele Casel (Asolo) – Asolo DOCG Prosecco Colfondo 2016
Tanti fiori in un naso asciutto, con un leggero tratto di frutto. Secchissimo, con il finale amaricante.

3. Casa Belfi (Piave) – Prosecco DOC Colfóndo 2016
Importante esplosione di zolfanello, con un sorso salato, citrino, appena breve.

4. Gatti (Piave) – Vino Bianco Frizzante Bolle Bandite
Mela e salamoia in anticipo sul sorso fresco, carbonico, molto lineare, assai bevibile.

5. Malibran (Conegliano) – Colli Trevigiani IGT Glera Sottoriva Col Fondo 2016
Naso serissimo, vagamente balsamico,  molto fine se non affilato. Sorso pulito e disteso, con viva mineralità

6. Costadilà (Conegliano) – Vino bianco Frizzante 330 S.L.M.
Accenni di macerazione, ricordi di frutta conservata. Sorso sereno ma non lunghissimo, forse ancora scalciante.

7. Ca dei Zago (Valdobbiadene) – Valdobbiadene DOCG Prosecco Frizzante Col Fondo 2016
Naso sottilissimo, appena dolce di pera. Esce morbido al sorso, fin troppo gentile.

8. Casa Coste Piane (Valdobbiadene) – Valdobbiadene DOCG Prosecco Frizzante Naturalmente 2016
Nitido, luminoso, minerale di zolfo e pietra. Sorso teso e citrino senza essere reboante.

9. Flli Collavo (Valdobbiadene) – Treviso DOC Prosecco Collfondo 2016
Naso di frutta, con mela verde e mela acerba, e cerino. Bocca scalciante ma energica, in onta al finale di frutta cotta.

10. Mongarda (Valdobbiadene) – Colli Trevigiani IGT Glera Col Fondo 2016
Naso garbatamente floreale, fine e allungato, con un sorso freddo e appena salato. Virgola amara ben presente.

11. Malibran (Conegliano) – Colli Trevigiani IGT Glera Sottoriva Col Fondo 2014
Esce la complessità della maturità, con la roccia e il minerale esposti ed evidenti. Bocca pienotta, dal passo dinamico e prolungato

12. Bele Casel (Asolo) – Asolo DOCG Prosecco Colfondo 2012
Naso splendidamente espressivo nella linearità di una nota sola, sorso appagante nella bolla tenue ma testarda, il sale e tutto.

Bella serata, bella discussione, bella la sede dell’evento chez Cantine Riunite. Un grazie alla delegazione AIS di Reggio Emilia con Gaetano Palombella e ai produttori, complici di una rivoluzione-evoluzione  di non immediata leggibilità ma di certa intensità.

 

2 Commenti a Colfòndo e i suoi Prosecchi

  1. Barbara ha detto:

    A me è piaciuta, di bottiglie di prosecco confondo ne ho già diverse in cantina e credo le riacquisterò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *