Il Nero d'Avola di Nino Barraco.

Barraco, e il Nero d’Avola

Pubblicato il: 20 aprile 2018

Argomenti: Vino

Tags: , , ,

Bevo il ’12 di questo IGT Terre Siciliane, tappato a sughero, coltivato in terra di Grillo e bianchi furenti. Lo vedo sanguigno, nel calice. Velato, umbratile, chiuso alla luce se non per un brillio cristallino al bordo. Profuma presto, fitto: eppure aereo. Attraversa un mazzo di fiori recisi, un’epifania terricola, un breve ricordo di prugne conservate. E ancora, mappamondi antichi, libri con le pagine tagliate a mano, cassette di verdure appena raccolte, giornali riposti in ordine. E il frutto sul fondo, lineare e testardo.

Poi l’assaggio di questo rosso di Nino Barraco regala un tannino che s’arrampica sul palato come un velluto raso, risale stretto e adeso e teso, appeso. Il centro è diritto, il finale si svolge dirimpetto, allargandosi in un estuario perfettamente seducente.

Lo vorresti sempre con capretti ed abbacchi, lingue salmistrate, formaggi di media stagionatura, minestre lente di legumi.

barraco nero d'avola 12 - 0057 copia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *