OK

Assaggi | Bottarga di Trota, TortaOro

Data pubblicazione 03.06.2014
VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
CONDIVIDI
#
TrotaOro alleva i suoi pesci - trote e salmerini - nelle acque del Parco dell'Adamello in Trentino e si fregia di una particolare cura nel trattamento dei conservati ittici per conservarne integre le qualità.

La Bottarga di Trota segue un ciclo di lavorazione simile alle altre più conosciute: lavaggio e salagione, utilizzando esclusivamente il prezioso Sale Dolce di Cervia.

Dopo qualche giorno di riposo le sacche vengono lavate di nuovo, e viene avviato il lento processo di essicazione che porterà alla polverizzazione e allo stivaggio in vasetti sotto vuoto.

Questa Bottarga è servita in polvere piuttosto fine, ben sgranata, di un rosa salmone delicato. Profuma tenuamente di salamoia, con un fondo finemente balsamico, sottile ma persistente.

All'assaggio è quasi dolce, rispetto alle memorie delle reboanti bottarghe di muggine e tonno. Ha consistenza e resistenza, e rilascia il sale all'improvviso.

Funziona molto bene come esaltatore di sapidità in primi piatti semplici e verduristici, come queste tagliatelle Tumminia.

COMMENTA

LEGGI ANCHE

Leggi tutto
#