OK

Spaghetti alla carbonara
#


VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
DI IL CUCCHIAIO D'ARGENTO
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA
FACILE
TEMPO PREPARAZIONE
20 MIN
TEMPO COTTURA
10 MIN

 
CALORIE
859 CALORIE
PORZIONI
4 PORZIONI

 

 
Spaghetti alla carbonara
ESECUZIONE RICETTA
FACILE
TEMPO PREPARAZIONE
20 MIN
TEMPO COTTURA
10 MIN

 
CALORIE
859 CALORIE
PORZIONI
4 PORZIONI

 

 
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  ALTRI INGREDIENTI
• 500 g di spaghetti
• 200 g di guanciale
• 4 uova
• 30 g di pecorino grattugiato
• olio
• sale
pepe
INGREDIENTI
• 500 g di spaghetti
• 200 g di guanciale
• 4 uova
• 30 g di pecorino grattugiato
• olio
• sale
pepe
PROCEDIMENTO
In un tegame fate rosolare il guanciale tagliato a cubettoni. Quando il guanciale avrà preso colore, eliminate il grasso, conservandone un cucchiaio. Lasciate intiepidire.
In una zuppiera sbattete le uova con il grasso del guanciale, il pecorino grattugiato e abbondante pepe macinato al momento.
Lessate gli spaghetti al dente, sgocciolateli, trasferiteli nella zuppiera assieme al guanciale e girate energicamente.
Servite.

SCOPRI ALTRE RICETTE SIMILI A "SPAGHETTI ALLA CARBONARA"

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
Diverse sono le storie all’origine del titolo del piatto. Quella più credibile si riferisce al modo di condire la pasta (uova, pancetta, pecorino) degli uomini che lavoravano sui monti laziali "facendo" carbone di legna. Durante l’occupazione tedesca i moltissimi romani che sfollarono sulle montagne impararono questo nuovo modo di condire e, una volta tornati in città, la moda dilagò. Quanto alla pancetta, si dovrebbe usare quella nota anche con il nome di "guanciale" perché ricavata, appunto, dalla guancia del suino, ma va bene anche quella detta "tesa" se magra. Non ammessa, invece, la pancetta affumicata.

This is the info These are the ingredients
CONDIVIDI

TI POTREBBE ESSERE UTILE


 
#
Terre dei Grifi
Terre dei Grifi
Il colore è giallo oro lucido, con tenui sfumature verdine. All'olfatto risulta ampio, suadente, con distinta fragranza di fiori di campo e di frutta esotica, e con ricordi di muschio e di mandorla. Il sapore è secco, pieno, morbido ma fresco e vivo, con elegante fondo fruttato di pera matura e di mandorla verde gradevolmente persistente.
Pinot Bianco
Pinot Bianco
Il Pinot Bianco non è un vino di grande volume, né di grande aromaticità e per questo forse è fuori moda. Tuttavia, attraverso l'equilibrio tra sapidità e dolcezza del frutto raggiunge livelli di finezza, delicatezza, aristocraticità che le altre varietà non possiedono.

IN MENU CON


 
#
Carciofi ripieni
Adatti come antipasto così come secondo, i carciofi ripieni rappresentano tradizione e semplicità.CONTINUA
Torta salata di borragine
Con un disco di pasta sfoglia foderate uno stampo (cm 26 di diametro) imburrato e tenete da parte.CONTINUA
Tatin di pere al pepe garofanato
Frullate nel mixer la farina con una presa di sale e 125 grammi di burro freddo a dadini, fino a ottenere un composto a...CONTINUA
DOCG Fiano di Avellino Vino della Stella -...
Un Fiano affatto particolare: questo Vino della Stella.CONTINUA
COMMENTA
#