OK

Pizza Margherita
#

VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
Pizza Margherita
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA
FACILE
TEMPO PREPARAZIONE
20 MIN
TEMPO COTTURA
20 MIN
TEMPO LIEVITAZIONE
20 MIN
TEMPO TOTALE
60 MIN
CALORIE
1083 CALORIE
PORZIONI
2 PORZIONI

 
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  ALTRI INGREDIENTI
PER LA PASTA BASE:
• 250 g di farina 00 oppure 0 setacciata
• 1 dl circa di acqua tiepida
• 15 g di lievito di birra
• sale.
PER CONDIRE:
• 1 kg di pomodori maturi
• 250-300 g di mozzarella
• olio
• basilico
• sale
PROCEDIMENTO
Fate la pasta: diluite il lievito in poca acqua tiepida, unite 50 grammi di farina, amalgamate aggiungendo l’acqua necessaria, lasciate lievitare 15 minuti.

Sul piano di lavoro disponete a fontana la restante farina con un pizzico di sale.

Al centro disponete il lievito preparato e lavorate il composto con energia unendo l’acqua tiepida necessaria per ottenere un impasto morbido e lasciatelo lievitare fino al raddoppio del volume.

Dividete la pasta in due parti, stendetele a disco, foderatevi due stampi (20-24 cm di diametro) ben spennellati d’olio, copriteli con un telo e fate lievitare per 15 minuti.

Preparate il condimento: spellate i pomodori, eliminate i semi, tagliateli a pezzetti, fateli sgocciolare in un passino a rete. Tagliate a fettine la mozzarella e fatela sgocciolare.

Quando la pasta degli stampi sarà lievitata, lasciando tutt’intorno un centimetro libero, cospargetela con i pomodori, salate, irrorate con poco olio e cuocete in forno caldo a 250° per circa 10 minuti. Ritirate, distribuite sulla superficie della pizza la mozzarella, foglie di basilico, un filo d’olio e ponete di nuovo in forno per circa 10 minuti.

La pizza è pronta quando il “cornicione” sarà ben dorato.
FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale" - Acquista ora online
 
PER SAPERNE DI PIU'
L’11 giugno 1889 il pizzaiolo napoletano Raffaele Esposito salì con la moglie Pasqualina Brandi alla reggia di Capodimonte dove era stato invitato per preparare una pizza per le loro Maestà. Il brav’uomo ne preparò tre: una bianca con olio, formaggio e basilico; una con i ceceniuelle (pesciolini appena nati, tipo bianchetti); una con pomodoro, mozzarella e
basilico che, appunto, battezzò Margherita, il nome della sovrana.

TI POTREBBE ESSERE UTILE
 
#
Barbera d'Alba
Colore denso e caldo, rubino violaceo. Il profumo è di frutta rossa succosa e poi note di fiori secchi, liquirizia, prugna, un che di selvatico. Al palato è pieno, caldo, innervato da una struttura tannica precisa e ingentilita da un’acidità scattante e da una cifra minerale capace di rendere il gusto profondo.
Novaserra
In questo vino giallo paglierino intenso spiccano all'olfatto sentori di albicocca, pera, mela, pesca, mandorla, con note di salvia e sentori minerali. Al palato si apprezza un'ottima acidità, sensazioni che richiamano frutti maturi. Grande morbidezza e sapidità.
" data-mobile="false" data-width="100%" data-numposts="2" data-colorscheme="light">
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ...
#