OK

Pastiera napoletana
#

VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
Pastiera napoletana
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA
MEDIA
TEMPO PREPARAZIONE
60 MIN
TEMPO COTTURA
2H E 30 MIN
LUOGO RIPOSO
FRIGO
TEMPO RIPOSO
12H
TEMPO TOTALE
15H E 30 MIN
CALORIE
770 CALORIE
PORZIONI
12 PORZIONI
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  ALTRI INGREDIENTI
PER LA PASTA FROLLA:
• 500 g di farina
• 200 g di zucchero
• 250 g di burro o strutto
• 5 tuorli
• buccia grattugiata di 1 arancia.
PER IL RIPIENO:
• 500 g di ricotta freschissima
• 420 g di grano in scatola
• 280 g di zucchero
• 5 tuorli
• 3 albumi
• 1/2 litro di latte
• 1 cucchiaino di succo di limone
• buccia di 1/2 limone grattugiata
• 70 g di cedro candito
• 70 g di zucca candita
• 3-4 cucchiai d’acqua di fior d’arancio
• 1 pizzico di sale
PROCEDIMENTO
Cuocete il grano lentamente nel latte con 30 g di zucchero, il sale e la buccia del limone finché sarà quasi asciutto ma cotto, mescolate spesso per evitare che si attacchi sul fondo del recipiente.

Toglietelo dal fuoco, eliminate la buccia del limone e fatelo raffreddare. Preparate la pasta frolla impastando gli ingredienti indicati. Preparate il ripieno: in una terrina lavorate la ricotta con il rimanente zucchero, unite i tuorli, i canditi a pezzetti, il grano cotto, l’acqua di fior d’arancio, la buccia grattugiata di limone e il sale. Incorporate gli albumi montati a neve con il succo di limone. Con 3/4 della pasta foderate uno stampo (30 cm di diametro) imburrato e infarinato, riempitelo con il composto di ricotta. Dividete in sei strisce la restante pasta e incrociatele sul ripieno. Cuocete in forno caldo a 170° per 1 ora e 30 minuti circa. Mettete in frigo per almeno 12 ore.
FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
La pastiera si prepara il giovedì santo e si gusta solo nel giorno di Pasqua quando viene presentata a tavola nello stesso recipiente di cottura. L’origine della pastiera risale ai culti pagani che celebravano l’arrivo della primavera, in seguito ha assunto il simbolo di messaggio di pace sulla mensa pasquale. Le pastiere venivano preparate dalle suore, specie da quelle di clausura, per le tavole patrizie e della ricca borghesia campana.

TI POTREBBE ESSERE UTILE
 
#
Alladium
Il colore è quello dell'oro antico, brillante. Il profumo è avvolgente, di miele grezzo e limone candito, aromatico e muschiato. È dolce e fresco al palato. La struttura è salda e di volume. Giustamente caldo, risulta non pesante ma vellutato in bocca, con una piacevole punta di freschezza finale. È un vino da meditazione o aperitivo fuori dal comune.
" data-mobile="false" data-width="100%" data-numposts="2" data-colorscheme="light">
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ...
#