OK

Baccalà mantecato
#

VOTO MEDIO
#
#
#
#
#
Baccalà mantecato
CONDIVIDI
#
#
#
#
#
#
ESECUZIONE RICETTA
FACILE
TEMPO PREPARAZIONE
40 MIN
TEMPO COTTURA
30 MIN

 
CALORIE
390 CALORIE
PORZIONI
6 PORZIONI

 

 
AVVISO
Hai raggiunto il limite massimo
di ricette che puoi salvare
sulla APP
OK
INGREDIENTI
#
#
  ALTRI INGREDIENTI
• 500 g di baccalà ammollato
• 100 g di latte bollente
• 2 spicchi d’aglio
• 1/4 di litro d’olio
• 3 litri d’acqua fredda
• sale
• pepe
PROCEDIMENTO
Sbucciate gli spicchi d’aglio e strofinateli sulle pareti interne del robot o del vaso del frullatore.
In una capace pentola dalle pareti alte versate l’acqua fredda, immergetevi il baccalà, portate a bollore e fate bollire per soli 2 minuti, spegnete e lasciate raffreddare il pesce nella sua acqua di cottura.
Sgocciolate il pesce, spezzettatelo con le mani, eliminate spine e pinne, conservate la pelle che, se piace, darà morbidezza alla preparazione. Mettetelo nel robot con la sua pelle e azionate finché lo stoccafisso è completamente destrutturato poi, continuando sempre a frullare, versatevi lentamente a filo e, alternandoli, l’olio e il latte.
Quando l’impasto avrà assunto una consistenza cremosa regolate sale e pepe e lasciatelo riposare alcune ore prima di servirlo freddo con fette di pane o di polenta grigliate.

FONTE
Questa ricetta è presente sul libro "Il Cucchiaio d'Argento Cucina Regionale"
 
PER SAPERNE DI PIU'
I Veneto è l’unica regione d’Italia dove lo stoccafisso (merluzzo essiccato) viene chiamato baccalà (merluzzo conservato sotto sale). E, a volte, anche una pietanza preparata con lo stoccafisso come nel caso della ricetta qui sopra, porta il nome di baccalà. Questa crema ha una cugina in Francia, la “brandade de morue”, che però non è spumosa e dolce come la nostra di rinomanza internazionale per la sua delicatezza. Questo piatto freddo risale agli altri dell’antica cucina veneziana consumati a bordo dei pescherecci dove la possibilità di cuocere e riscaldare il cibo era limitata.


TI POTREBBE ESSERE UTILE
 
#
La Rocca
La Rocca
Giallo solare, brillante e intenso, rivela un bouquet ricco e ampio, con sentori di frutta matura, richiami di melone e mango, leggermente speziato. Al palato è pieno, rotondo, vellutato, caratterizzato da un perfetto equilibro tra sensazioni fruttate e acidità; finale lungo e persistente.

 
#
COMMENTA
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ...
#