Chiaror sul Masso, spuma di Timorasso - Appunti di Gola

Chiaror sul Masso, spuma di Timorasso

Pubblicato il: 14 marzo 2017

Argomenti: Vino

Tags: , , , ,

Insomma, guardo quella schiuma color bianco del colore bianco degli scacchi. Faccio amicizia con l’aroma, caldo e freddo nello stesso momento: frutta fiammata e aghi di pino, frutta matura e foglie di menta. Pane e anice. Pretendo di comprendere il verbo di questo spumante ottenuto da grappoli di Timorasso tortonese, di una sola vigna. Mi arrendo, perchè credo di avere davanti un rifermentato, e so di avere un Martinotti, e i conti non tornano. Troppo pastoso l’assaggio, avvolgente e screanzato, Troppo generoso l’attacco. Certo, dentro c’è il fuoco del Timorasso, ma tutta questa ricchezza, questo spessore tenuti in riga da una confezione lussureggiante di maturità sono davvero qualcosa di particolare.

Mando dei messaggi al Ghislandi, che ne è l’artefice: e mi racconta la faccenda. Una faccenda di grandi recipienti, di freddo, di fermentazioni spontanee che poi vengono educate, garbatamente. Charmat lungo, e un finale interminato in bottiglia: è l’11, e pare essere ancora in mezzo al cammin di sua vita.

Lunga vita al Masso, spumante di Timorasso. Lo verserei nei bicchieri di tavoli ammazzati di burri e acciughe, di aringhe, di missoltini. E pane di gran crosta, cotto a legna e con vigore.

chiaror sul masso - 03 copia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>